Ron canta Dalla: "Dopo 6 anni di silenzio, lo ricordo con semplicità"
Arriva un disco celebrativo del collega e amico, "Lucio!"

"Quando se ne va un artista così incredibile e un amico straordinario, uno se ne vuole anche stare per i cavoli suoi. Perchè dovevo dire io c'ero? In quanti l'hanno fatto e mi ha dato fastidio? La tranquillità mi ha invece aiutato a superare la dipartita di Lucio che è stata pesante. Dopo sei anni, questa mi è sembrata l'occasione giusta per tornare a dedicargli del tempo". Così Ron, a sei anni dalla morte di Lucio Dalla, rompe il silenzio nel quale si è rinchiuso, in passato, a causa del dolore.

Più volte, nel tempo, ha fatto capire di non volerne parlare. E invece, adesso, non solo accetta di raccontarlo, ma ne fa addirittura un progetto professionale. Dopo aver riportato in vita la musica di Dalla al Festival di Sanremo con il brano inedito Almeno pensami, vincitore del premio della critica Mia Martini, Ron è pronto a presentare un disco celebrativo del collega e amico. In Lucio! ci sono dodici brani, "scelti d'istinto", spiega Ron. A tal punto che confessa di averne dimenticato qualcuno che invece ha tanto amato, come Le rondini. "Sono riuscito a fare questa cosa - racconta - con grande passione ma in punta di piedi. Cantando un artista così immenso, è facile strabordare. Ho cercato di essere semplice e trasparente, come erano lui e la sua musica". Non solo, quindi, un progetto musicale, ma il ricordo affettuoso di un amico a sei anni dalla scomparsa e in occasione di quello che sarebbe stato il suo 75esimo compleanno, il 4 marzo. "Avere un riferimento come Lucio - racconta emozionato Ron - è stata una cosa unica. Mi sono sempre fidato di lui perchè non teneva nulla per sè. Amava quando qualcuno riusciva a farcela, e questo è l'atto d'amore più forte che possa esserci". "Se non ci fosse stato Lucio - aggiunge riconoscente - io non sarei stato qua perchè non sono una persona che si impone. Lui vedeva molto lontano e quando capì chi ero, cominciò a lavorare con me. Credo di essergli stato molto utile anche io".

Ron porterà anche Lucio! in tour, con due date speciali il 6 maggio al Teatro Dal Verme di Milano e il giorno dopo all'Auditorio Parco della Musica di Roma. La speranza, però, è che ci sia ancora nel cassetto qualche inedito di Dalla da poter regalare al grande pubblico, grazie al lavoro dei suoi eredi: "Lucio era molto distratto, lasciava cose scritte ovunque. Magari col tempo ne verrà a galla qualcuno". Intanto, però, se Dalla fosse qua cosa direbbe? "Sicuramente mi darebbe tanti consigli. Mi direbbe che si sarebbero potute fare altre mille cose. Ma poi aggiungerebbe: 'Comunque, bello'".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata