RomaFictionFest, in 'Labyrinth' Gerini sorprende, arpia sexy e feroce

Roma, 5 ott. (LaPresse) - L'omaggio a Tony Scott, a due mesi dalla scomparsa, ha presentato al RomaFictioFest questa notte in anteprima europea i suoi ultimi lavori televisivi: costosissime produzioni a tema storico adattate da romanzi di grande successo, 'World Without Ends' da Ken Follett e 'Labyrinth' da 'I codici del labirinto' di Kate Mosse. Ben 800 anni di distanza separano i due piani temporali in cui si svolge, come un thriller senza fiato, quest'ultimo lavoro firmato da Christopher Smith con la sceneggiatura di Adrian Hodges. La storia di 'Labyrinth' è questo contatto a distanza tra la 17enne eroina del VIII secolo Alais Pellettier (interpretata da Jessica Brown Findlay), che il padre fa entrare in una ristretta società segreta per conservare il segreto del Graal, e Alice Tunner (Vanessa Kirby), ricercatrice dei nostri giorni con la passione dell'archeologia.

Separate dal tempo ma unite da un comune destino, seguono ambedue il bandolo della matassa, la ricerca del Santo Graal, affrontando tutte le loro sfide con grande coraggio. E mentre la prima deve difendersi per non cadere in mano a chi vuole conoscere a tutti i costi il luogo dove è conservato il vero Graal, la seconda in un'operazione archeologica propostale da una sua amica esperta archeologa, dopo aver sentito dentro di sé una voce che la incita a non aver paura, trova in una grotta scheletri, catene ed un misterioso anello che da 800 anni sono in molti a cercare. Le due storie parallele si svolgono nei dintorni di Carcasson, e ruotano attorno alla ricerca di tre libri nascosti (The Book of Words, Potions e Numbers), che insieme riveleranno il segreto del vero Graal risalente all'era egiziana.

Con un leggero retrogusto tra 'Indiana Jones' e Dan Brown, la miniserie offre oltre alle immagini di una bellezza impressionante, un'ottima suspence, sostenuta anche dal coinvolgente montaggio che non sbaglia un attacco emotivo tra i due piani temporali. Mentre nel passato Alais deve guardarsi da tutti, soprattutto dalla sua crudele sorellastra Oriane, nel presente Alice è impegnata in una corsa contro il tempo per cercare di dare un senso allo strano puzzle le cui tessere hanno per lei un sapore stranamente familiare. La sorpresa è Claudia Gerini ('La leggenda di Kaspar Hauser', 'Com'è bello far l'amore', 'Tulpa', 'Reality') sexy e feroce arpia James Bond style. Nel cast anche John Hurt ('Melancholia', 'Immortals', 'La talpa', 'Jayne Mansfield's Car') e Tom Felton ('Harry Potter e i Doni della Morte', 'L'alba del pianeta delle scimmie').

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata