Robbie Williams: La nascita di mia figlia è stata drammatica

Londra (Regno Unito), 19 ott. (LaPresse) - Robbie Williams racconta i momenti del parto della moglie Ayda Field e di quanto si è spaventato quando il cordone ombelicale di sua figlia era rimasto legato intorno al suo piccolo collo. Il cantante descrive l'esperienza come spaventosa per sé e per sua moglie e di come sia riuscito a gestire la situazione con sangue freddo mentre tagliava il cordone di Theodora.

"Teddy stava diventando blu per via del cordone che le stringeva il collo", racconta al 'Sun'. "L'ho tagliato e l'ho tagliato mentre era ancora dentro Ayda". E aggiunge: "Ho dovuto essere veloce con le forbici. Sembrava 'Ayda contro Predator'. Un'immagine che non andrà più via dalla mente". Robbie rivela, inoltre, di avere molto rispetto per le donne che hanno figli e ora che è padre è più felice che mai. "Ayda è andata in travaglio alle 4 del mattino e alle 15.15 del pomeriggio, Teddy è venuta al mondo e ha cambiato la mia vita".

"E' stato un momento cosmico". Poi il neo papà dice di vivere con orgoglio il suo nuovo ruolo paterno e racconta che ora la piccola sta bene, ma che soffre un po' di "reflusso acido, ma la bimba è forte. Mi piace cambiare i pannolini e mi piace essere papà. Non voglio altro che essere un buon padre e un buon marito. La vita è perfetta adesso".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata