Monaco, al via il tour mondiale di Eros Ramazzotti

Un doppio sold out per l'avvio di una tournèe con 81 tappe annunciate in 32 Paesi, che ha già venduto 400mila biglietti

Eros Ramazzotti festeggia i 35 anni di carriera con un tour mondiale. Dopo l'uscita del nuovo album e la partecipazione in qualità di super ospite al 69esimo Festival di Sanremo, è partito dall'Olympiahalle di Monaco di Baviera, in Germania, il Vita ce n'è world tour. Un doppio sold out per l'avvio di una tournèe con 81 tappe annunciate in 32 Paesi, che ha già venduto 400mila biglietti.

Una produzione internazionale, un allestimento innovativo, un'eccellenza italiana che girerà il mondo con 10 bilici, 4 sleeping bus per un totale di 80 persone al seguito. Come per il nuovo album, l'auspicio di buona vita è anche al centro dello show, che si apre sulle note di 'Vita ce n'è' con l'immagine dell'albero della vita, simbolo riconosciuto in molte culture che gli attribuiscono significati mistici e magici ed è considerato con i suoi tre elementi (radici, tronco e foglie), come la sorgente della vita. La stessa immagine che Eros ha scelto di tatuarsi sul braccio per portar sempre con sé la sua famiglia.

Trenta i brani in scaletta, dai grandi successi della storia di Ramazzotti (da Musica è a Più bella cosa, passando per Dove c'è musica ad Adesso tu), ai brani della più recente produzione discografica. Sul palco insieme a Eros Ramazzotti, otto musicisti e due coristi: Luca Scarpa (direttore musicale, piano), Giovanni Boscariol (tastiere), Giorgio Secco Christian Lavoro (chitarra), Paolo Costa (basso), e le tre new entry internazionali Corey Sanchez (chitarra), Eric Moore (batteria) fenomeno dell'r'n'b e della musica gospel e Scott Paddock (sassofono), americano celebre per le sue influenze jazz che ha collaborato, tra gli altri, anche con artisti del calibro di Natalie Cole, Jackson Browne, Ray Charles. Ad accompagnare la voce di Eros, Monica Hill e Giorgia Galassi (Cori).

Un enorme kabuki e la proiezione di immagini di Eros a cavallo, celano il palco che si presenta con una rappresentazione dell'albero della vita, all'interno di un'animazione creata da 3 proiettori su una Holo-Gauze dove appaiono sospese come ologrammi, immagini dell'elica del dna che aprono il Vita ce n'è World Tour. Lo spettacolo offre anche a Eros l'occasione di puntare i riflettori su due emergenze ambientali. Da sempre attento alla salvaguardia del pianeta, Ramazzotti propone una sequenza di immagini allarmanti che denunciano l'emergenza globale dell'inquinamento e dell'abuso della plastica.

Eros Ramazzotti, dopo aver attraversato l'Europa passando per Francia, Spagna, Svizzera, Belgio, Olanda, Inghilterra, Germania e Austria, e dopo le anteprime di Torino Milano e Roma, partirà a maggio alla volta del Messico per arrivare negli USA, a Panama, in Brasile, Chile, Argentina, Canada, e sul prestigioso palco del Radio City Music Hall di New York, che aveva già calcato nel 1991 come primo artista italiano a soli 5 anni dall'inizio del suo percorso artistico. Il tour tornerà poi in Europa e Ramazzotti calcherà i palchi di due delle location più suggestive del nostro paese: il Teatro Antico di Taormina e l'Arena di Verona, con tre appuntamenti per città. Dopo le tappe in Serbia, Grecia, Repubblica di Macedonia, Bulgaria, Slovacchia e Ucraina il tour approderà in Russia con i concerti a Mosca e San Pietroburgo per proseguire con le date in Finlandia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Danimarca, Svezia e Slovenia e tornare di nuovo in Italia a fine 2019.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata