Ralph Spacca Internet, i registi a Roma: "Femminismo, amicizia e tecnologia: la ricetta per il nostro film"

Rich Moore e Phil Johnston hanno presentato a Roma il nuovo film Disney, che arriverà nelle sale italiane il 1 gennaio

A distanza di sei anni da Ralph Spaccatutto, il cattivo del videogame anni ’80 Felix aggiustatutto torna al cinema per una nuova avventura in compagnia dell’amica Vanellope. Questa volta, però, i due escono dalla sala giochi per navigare in Internet. Da Wikipedia a Facebook, dalle email ai tweet, passando per i pop-up e i virus: Ralph Spacca Internet è un viaggio ironico, ma al tempo stesso estremamente fedele, nel web del 2018.

"È assolutamente una storia contemporanea”, hanno spiegato i registi Rich Moore e Phil Johnston, a Roma per presentare il film che arriverà nelle sale italiane il prossimo 1 gennaio. "Quando abbiamo iniziato a lavorarci nel 2014 – hanno dichiarato – eravamo consapevoli che molte delle cose che ci sembravano attuali in quel momento sarebbero potute sembrare già vecchie all'uscita del film perché Internet è così: si evolve continuamente. Ma dalla nostra abbiamo una storia solida ed emozionante che non ha una data di scadenza".

Ralph spacca Internet racconta infatti l'amicizia in evoluzione di Ralph e Vanellope. Il loro rapporto, forte e sincero, nato nel primo film, si troverà di fronte a una serie di ostacoli e difficoltà quando i due amici capiranno di sognare delle vite molto diverse l'una dall'altra. Un tema importante che i registi Disney ci tenevano ad affrontare. "Nei film per le famiglie - ha spiegato Rich Moore, già premio Oscar per Zootropolis - le storie di amicizia sono solitamente molto semplici: il tema principale è che è bello avere degli amici. A noi questo non bastava. Volevamo dire che un’amicizia può andare male, ma che se entrambi vogliono, può essere recuperata".

Un aspetto piaciuto molto anche ai numerosi vip che hanno partecipato all'incontro stampa a Roma: il divulgatore informatico Salvatore Aranzulla e gli youtuber Favij e LaSabriGamer, che prestano la voce a tre personaggi del web; l'attrice Serena Rossi, la nipote del pretendente al trono russo, Nicola Romanovic Romanov, Nicoletta Romanoff  e la figlia del IX principe di Cerveteri Melusine Ruspoli che doppiano rispettivamente le principesse Disney Anna, Aurora e Jasmine; e Francesca Michielin, che interpreta una canzone per Ralph Spacca Internet. "Non bisogna essere toppo possessivi in amicizia altrimenti l'altra persona si allontana: questo il film lo spiega bene", ha detto Ruspoli e Michielin ha aggiunto: "A volte è difficile capire che ciò che vuole l’altra persona non coincide con ciò che vogliamo noi". Mentre Romanoff ha dichiarato che "è bello amare qualcosa che è differente da noi e che non ci appartiene" perché è un "sentimento che può aprire la mente", portando ad esempio il rapporto con la sua migliore amica (che conosce da quando è nata) e quello con i suoi figli, che su certi aspetti sono completamente diversi da lei.

Ovviamente, però, la sfida di Ralph e Vanellope avviene all'interno di un contesto - quello della rete - che calamita l'attenzione dello spettatore. Ralph Spacca Internet riesce a raccontare tutti gli aspetti più importanti della quotidianità sul web, anche quelli negativi. "Avevamo già lavorato insieme per Zootropolis - ha spiegato Phil Johnston - e anche in quel caso avevamo parlato di aspetti neri e profondi. In questo caso non volevamo essere da meno. Dal momento che i ragazzini passano la maggior parte del loro tempo su Internet abbiamo pensato che dovessero essere ben equipaggiati anche contro i pericoli. Come Ralph, anche loro devono capire le differenze tra chi vuole loro bene e chi fa commenti negativi su Internet con un account anonimo: non va dato a queste persone lo stesso peso. Però Internet non è solo un luogo pericoloso: non c'è solo il bianco o il nero in rete, il web è essenzialmente un posto grigio. Inizialmente, infatti, divide Ralph e Vanellope ma poi li aiuta a mantenere forte la loro amicizia". Questi aspetti li conoscono bene le star del web e ognuno ha preso le proprie precauzioni per proteggersi in rete. C'è chi come Salvatore Aranzulla e LaSabriGamer cancella i commenti sui social che contengono insulti, chi - come Favij - ignora gli haters e chi - come Serena Rossi -, gli haters non li ha ma mantiene una certa privacy, per esempio evitando di pubblicare foto del proprio figlio.

Tra le scene più attese dai fan sicuramente quella auto-ironica in cui tutte le principesse Disney vengono riunite in un'unica stanza. Non era mai capitato sul grande schermo e nessuno avrebbe mai pensato di vedere una scena tanto pop in un cartone Disney. "Poteva accadere solo in un film come questo, ambientato in Internet, - ha spiegato Rich Moore - perché su Internet tutto può accadere. E abbiamo colto l'occasione per rendere più contemporanee le principesse". E Johnston ha confermato: "Il nostro è un film molto concentrato sulle donne e sul potere femminile. E le principesse aiutano Vanellope proprio in questo senso: a capire qual è il suo vero io e a maturare. Nel processo persino Ralph diventa un femminista".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata