Prince, udienza in Minnesota per divisione dell'eredità
La star non ha lasciato un testamento e sei, tra fratelli e fratellastri, sono stati indicati come eredi

Prende al via oggi in Minnesota l'udienza per l'assegnazione del patrimonio di Prince, che conta svariati milioni di dollari. Il cantante è stato trovato morto il 21 aprile scorso all'interno dell'ascensore della sua abitazione. Aveva 57 anni. La star non ha lasciato un testamento e sei, tra fratelli e fratellastri, sono stati indicati come eredi nelle carte depositate presso la corte di Carver County a Chaska, in Minnesota, dove l'udienza è presieduta dal giudice Kevin Eide. Potrebbe volerci anche un anno per risolvere la divisione dei beni della star, il cui valore esatto non è al momento noto, ma si stima che il catalogo musicale del cantante da solo valga circa 500 milioni di dollari.

Giorni fa, su richiesta della sorella del cantante, Tyka Nelson, un giudice ha nominato la banca Bremer Trust come amministratore speciale per gestire i beni di Prince, un istituto di credito con cui il cantante ha intrattenuto per anni affari finanziari, e che potrebbe avere un ruolo chiave nella salvaguardia della sua fortuna. Prince Rogers Nelson, che ha realizzato successi come 'Purple Rain' e 'When doves cry', è stato sposato e divorziato due volte. Non lascia eredi diretti: ha avuto un figlio ma è morto poco dopo la nascita nel 1996. Secondo la legge del Minnesota, i suoi beni possono essere divisi equamente tra i fratelli. L'avvocato fiscalista, Steve Hopkins, ha detto che più sono grandi i patrimoni, maggiori sono le probabilità che sorgano contenziosi tra gli eredi e spesso ci vogliono anni per risolvere le questioni ereditarie.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata