Pordenone, genitori di Teresa: Non crediamo ai futili motivi
Ai microfoni de 'La vita in diretta' affermano: "Dal processo ci aspettiamo la verità"

'La vita in diretta', in onda su Rai1, torna sul delitto di Pordenone. Parlano i genitori di Teresa Costanza, uccisa un anno fa insieme al fidanzato Trifone Ragone. Giosué Ruotolo è attualmente in carcere accusato del duplice omicidio, la fidanzata Rosaria è ai domiciliari. Il padre Rosario ha commentato lo svolta nel giallo con gli arresti di due giovani avvenuti lunedì: "Siamo contenti perché è un passo avanti nell'indagine. E perché così Giosué non potrà più far più male". La madre Carmelina racconta la figlia: "Teresa era splendida, aveva tante passioni, per esempio amava dipingere". Il padre di Teresa non crede a futili motivi come l'invidia: "Difficile accettare queste dichiarazioni. Dal processo ci aspettiamo la verità".

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata