Pomeriggio 5, caso Piscaglia: Padre Graziano ai domiciliari
In studio il marito della donna scomparsa: "Siamo rimasti molto delusi, non riesco ad accettarlo"

'Pomeriggio 5' cerca di far luce sul caso di Guerrina Piscaglia, la donna scomparsa a Ca' Raffaello (Arezzo) nel 2014. Mirco, marito di Guerrina, è intervenuto oggi durante il programma condotto da Barbara d'Urso.

Durante la trasmissione sono state trasmesse immagini della casa di Guerrina mentre il marito ha parlato di Padre Graziano, accusato della morte della donna, ora ai domiciliari in un convento: "Siamo rimasti molto delusi, io e anche i miei familiari, non riesco ad accettarlo, ma la legge è questa tiriamo avanti così" dice Mirco.  "Se l'avesse fatto un italiano non sarebbe finita così" ha sottolineato il marito di Guerrina Piscaglia.

A controllare gli spostamenti di Padre Graziano una cavigliera elettronica: il volto dell'uomo è sorridente come mostrato in esclusiva nelle foto del programma.

Nel corso del programma è stato intervistato anche l'avvocato di Padre Graziano. "Può spaziare nel perimetro della cavigliera elettronica che lo controlla, se varca si attiva un allarme, gli è possibile parlare con tutti" sottolinea l'avvocato durante il programma condotto da Barbara d'Urso.

"Potrà anche dire messa, visto che non è stato sospeso e non ha limiti dal punto di vista religioso e spirituale", aggiunge il legale. "Mi fa senso sapere che può dire messa", ha replicato il marito di Guerrina Mirco.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata