Polizia interviene in casa del rapper Lil Wayne per spari, ma è falso allarme

Miami (Florida, Usa), 11 mar. (LaPresse/Reuters) - La polizia di Miami Beach è intervenuta nella casa del rapper Lil Wayne, dopo che una persona ha chiamato le autorità al telefono denunciando di aver sparato a quattro persone al suo interno. Secondo i media locali, agenti vestiti con giubbotti antiproiettile sono entrati nell'abitazione, mentre altri hanno circondato la residenza da nove stanze da letto, il cui valore stimato è 9,2 milioni di dollari. Secondo i media, il rapper (il cui vero nome è Dwayne Michael Carter Jr.) non era in casa al momento dei fatti. Dopo le verifiche, la polizia ha fatto sapere che si è trattato di un falso allarme e che nella casa non è avvenuta alcuna sparatoria.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata