Pellegrini: Non sono incinta, ma lo terrei. Un reality? Perché no

Milano, 28 ago. (LaPresse) - "Lo abbiamo fatto apposta. Avevamo i paparazzi a cinque metri, non abbiamo resistito. Prima, però, abbiamo avvisato le nostre famiglie per non farle preoccupare". Così, in una lunga intervista sul numero di 'Chi' in edicola da domani, mercoledì 29 agosto, Federica Pellegrini, di fianco al suo compagno Filippo Magnini, svela il giallo sulla sua 'dolce attesa' e spiega la foto incriminata in cui Magnini le bacia la pancia. "E aggiunge: "Prendiamo tutte le precauzioni, ma certo che terrei un figlio se dovesse arrivare". Proprio il gossip è stato indicato come una delle cause delle sue Olimpiadi in chiaroscuro. "Dico solo che per fare un servizio fotografico ci vuole al massimo un pomeriggio e in un anno ho fatto tre copertine, compresa questa", si difende Federica. "Non ho chiesto di essere famosa e non ho iniziato a nuotare per diventare famosa, troppo faticoso".

"La verità è che alle Olimpiadi non sono entrata in forma: a livello mentale ero una macchina da guerra, dal punto di vista fisico non avevo risposte". "C'è stato un ricambio generazionale. Ci sono nuotatrici di vent'anni che vanno molto veloce, ma io non mollo e sono certa che, con l'allenamento giusto, posso competere". Si dice che ora la Pellegrini possa fare un reality. "Perché no? Avrò un anno tranquillo". Il più adatto sembra 'Ballando con le stelle'.

"Nessuno mi ha ancora proposto niente, di certo a me piace ballare. Ma, vede, il punto è un altro. Qualcuno ha già storto il naso soltanto all'ipotesi che io possa fare un reality. Non sta agli altri giudicare, volendo potrei anche farlo. Ma non ho detto che lo farò". "Il ballo mi piace molto, ho fatto l'ospite una volta a 'Ballando' e mi sono divertita. Ma, dopo quello che è successo, dovremo decidere le priorità per la prossima stagione e il nuoto viene al primo posto, è la nostra vita. Ci sono ospitate in tv dove prendi più o meno quello che ti danno se vinci un oro alle Olimpiadi, ma non cambierei mai una medaglia con i soldi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata