Paul McCartney promuove nuovo album 'New' con gli studenti di New York

New York (New York, Usa), 10 ott. (LaPresse/AP) - Fortunati gli studenti della scuola superiore di New York che hanno potuto assistere a un'inedita performance di Paul McCartney. L'ex Beatle 71enne ha festeggiato ieri pomeriggio il suo secondo anniversario con la moglie e alcune centinaia di studenti della Sinatra School of the Arts nel Queens. La performance è stata introdotta da Tony Bennett Frank all'interno della Tony Bennett Concert Hall.

Prima di interpretare la sua ultima canzone intitolata 'New' ha salutato la moglie: "Buon anniversario baby" ha detto Paul dedicando l'augurio a Nancy Shevell. Poi ha precisato che per questa canzone si è ispirato a lei, a quel punto gli studenti si sono voltati verso Nancy esultando. L'evento è stato programmato con iHeartRadio per promuovere l'ultimo album di McCartney anch'esso con il titolo 'New' che uscirà la prossima settimana.

Nell'insolito raduno studentesco, uno di loro ha chiesto a McCartney quando ha capito di essere entrato ufficialmente nel mondo della musica. "Quando nei Beatles abbiamo fatto il primo singolo 'Love me do'". Gli studenti hanno applaudito. "Dovreste saperlo" ha aggiunto il cantante.

La folla che contava anche qualche adulto è andata in visibilio alla performance di McCartney che ha eseguito 13 canzoni scelte tra i successi dei Beatles, dei Wings e dal suo repertorio di solista. 'Hey Jude', 'Eight days a week' e 'Jet' solo per citarne alcune. Paul ha suonato il piano e la chitarra accompagnato da una band di quattro elementi. McCartney ha mostrato una grande energia e un certo carisma verso gli studenti, la maggior parte di loro invece ha tradito nervosismo ed emozione quando ha preso la parola per porre delle domande.

Un altro studente ha chiesto perché volesse continuare a fare musica dopo tutti i suoi successi. McCartney ha sottolineato che si tratta di una domanda ricorrente: molti gli chiedono perché non si sia ancora ritirato andando in pensione. A questa domanda la star della musica ha risposto: "Grazie mille ma no". Ha aggiunto che avrebbe potuto stare a casa e guardare la tv ma che ancora preferisce rimanere con gli studenti ed esibirsi sul palco.

Paul McCartney inoltre ha ricordato che ieri sarebbe stato il 73esimo compleanno di John Lennon. In più, ha confidato di sentirsi ancora collegato con Lennon attraverso la musica e le loro canzoni. L'evento sarà trasmesso lunedì prossimo sulle reti statunitensi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata