Paola Ferrari contro Twitter: Bacheca di vili diffamatori

Roma, 5 lug. (LaPresse) - Paola Ferrari sulle orme di Hugh Grant. La giornalista televisiva, conduttrice di successo della 'Domenica Sportiva' e volto di punta di Rai Sport, sta per citare il social network Twitter per diffamazione chiedendo un maxi risarcimento che, se ottenuto, andrà totalmente a favore delle famiglie delle vittime del terremoto in Emilia.

La giornalista, che nel corso di tutta la conduzione della trasmissione Stadio Europa dedicata a Euro 2012 si è vista bersagliata sulle pagine di Twitter da epiteti anonimi e offensivi, con pesanti allusioni fisiche, insulti riferiti all'età e a presunti rifacimenti estetici, ha deciso di dire basta e di fare causa.

"Lavoro nel giornalismo da più di 30 anni e da 20 in Rai - ha detto a 'Klauscondicio', il programma di Klaus Davi su YouTube - e ho sempre accettato le critiche, anche quelle più dure e a mio avviso immotivate, ben sapendo che fanno parte del gioco. Tuttavia con questo atto voglio dire un no chiaro. Il web non può diventare solo una bacheca della diffamazione anonima, dell'insinuazione volgare e del razzismo solo perché nel web c'è la libertà di espressione. Non è giusto usare la rete e i social network per insultare le persone, senza la possibilità di un contraddittorio, e questo accade soprattutto con Twitter. Se il web e i blog vogliono giocare un ruolo serio nell'informazione, allora devono comunque attenersi alle regole deontologiche di base e alle norme civili che valgono fuori dalla rete. Nessuno si riunisce pubblicamente per diffamare o insultare qualcun altro o, se lo fa, per lo meno è passibile di denuncia. Ecco, credo allora che la cosa valga anche per Twitter".

Paola Ferrari si dice d'accordo con la norma di legge proposta all'interno del DL intercettazioni dal Ministro della Giustizia Paola Severino che imporrebbe la rettifica obbligatoria anche ai siti web.

"La mia sarà una battaglia per una informazione più civile che si basa su una semplice regola: sì e sempre alla libertà di critica, ma no alla libertà d'insulto e di diffamazione vigliacca e, soprattutto, anonima. Se dovessi ricevere un giusto risarcimento per i danni recati alla mia immagine professionale e personale, per altro costruita con il lavoro negli anni, tutto l'ammontare andrà ai terremotati dell'Emilia, gente, quella sì, che merita a prescindere per la compostezza e il coraggio che mostra", conclude Paola Ferrari.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata