Oprah Winfrey si scusa con la Svizzera per accusa razzismo

Los Angeles (California, Usa) 13 ago. (LaPresse/AP) - Oprah Winfrey si è detta dispiaciuta per la "frenesia mediatica che si è scatenata dopo che ha detto di aver vissuto un episodio di razzismo nel suo viaggio in Svizzera". Alla premiere di ieri sera a Los Angeles del film di Lee Daniel 'The Butler', la Winfrey si è scusata per aver nominato la Svizzera nel raccontare l'avvenimento e dice che ha volutamente evitato di menzionato il nome negozio.

Nella recente intervista a Entertainment Tonight, la nota presentatrice americana ha raccontato che la commessa di un'elegante boutique di Zurigo si è rifiutata di mostrarle una borsetta dicendole che non poteva permettersela perché costava 28mila euro. I funzionari del Turismo della Svizzera e il proprietario del negozio si sono scusati pubblicamente la settimana scorsa. Poi Oprah ha spiegato che si è trattato di un incidente isolato e non voleva essere un atto d'accusa contro il paese e il negozio.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata