Nuova querela contro Lindsay Lohan, tata investita chiede i danni

Los Angeles (California, Usa) 26 gen. (LaPresse/AP) - Lindsay Lohan colleziona una causa legale dietro l'altra. Questa volta a querelare l'attrice è una tata che sostiene di essere stata investita mentre spingeva il suo passeggino perché Lindsay non si è fermata al semaforo rosso. Da quanto riportato dal sito 'Tmz', un videoreporter sembra sia stato testimone dell'incidente e pare che abbia visto Lindsay andare via in auto, abbandonando la scena dell'incidente e omettendo il soccorso. Il bambino non si è ferito, ma la tata ha querelato la Lohan, presentando ieri i documenti alla corte suprema di Los Angeles, in cui sostiene di aver subito "invalidanti e gravi lesioni personali, e angoscia". Non è però precisato il risarcimento danni richiesto. E' la seconda causa intentata contro la Lohan questo mese, che la vede protagonista di un incidente automobilistico. Solo il 10 gennaio scorso un paparazzo ha denunciato Lindsay, sostenendo di essere stato travolto dalla sua Maserati per una brusca accelerata mentre cercava di scattarle qualche foto fuori da una discoteca. La causa intentata dalla tata, Nubia Del Carmen Preza, afferma che la Lohan si trovasse alla guida della sua auto nel pomeriggio del 1 settembre 2010 in un incrocio a sud del Sunset strip. dove la Lohan a quel tempo viveva. Il portavoce di Lindsay, Steve Honig, ha riferito che né l'attrice né i suoi avvocati sono in possesso della querela e quindi non hanno rilasciato commenti. Attualmente l'attrice e modella resta in libertà vigilata per un caso di guida in stato di ebbrezza risalente al 2007, dopo essere stata arrestata 2 volte con l'accusa di guida in stato alterato. Due le cause civili allora intentate contro l'attrice, una perché la Lohan ha inseguito un veicolo pensando che all'interno ci fosse il suo ex assistente. L'altra, invece, intentata da tre uomini che si trovavano a bordo della vettura guidata dall'attrice senza possibilità di scendere. L'avvocato dell'attrice, Ed McPherson, ha sostenuto che gli uomini avrebbero avuto molte possibilità di uscire dall'auto e ha definito il caso "assurdo". Negli ultimi incontri in tribunale, la Lohan ha ricevuto segnalazioni positive su come sta assolvendo i servizi sociali imposti presso l'obitorio della contea di Los Angeles, dove svolge i compiti di pulizia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata