Nobel per la Pace, la giovane pakistana Malala Yousafzai favorita in lavagna
Roma, 24 lug. - Pochi giorni fa, nel giorno del suo sedicesimo compleanno, ha parlato alle Nazioni Unite, chiedendo ai leader mondiali il diritto all'istruzione per tutti i bambini del mondo: Malala Yousafzai, pakistana, diventata famosa in tutto il mondo per la sua opposizione ai talebani, è la favorita per ricevere il premio Nobel per la Pace. Si tratta della più giovane candidata al prestigioso riconoscimento che, secondo la sigla Paddy Power, si gioca a 1,14. Alle sue spalle si piazzano, molto lontani, l'ex soldato Bradley Manning - accusato di aver scaricato decine di migliaia di documenti riservati e di averli rilasciati a WikiLeaks - bancato a 16,00, e l'ex presidente statunitense Bill Clinton, a 20,00; stessa quota per il filosofo Gene Sharp, conosciuto per i suoi studi sulla nonviolenza e sulla disobbedienza civile, e per l'avvocato Sima Samar, il primo ministro per la questione femminile in Afghanistan. MSC/Agipro

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata