New York, in 18mila a Brooklyn per concerto Rolling Stones

New York (New York, Usa), 9 dic. (LaPresse/AP) - Ventitré canzoni per due ore di spettacolo, di fronte a un pubblico di 18mila spettatori, entusiasti, come prevedibile, per il primo concerto negli Stati Uniti del mini tour dei Rolling Stones, che festeggiano 50 anni di carriera. Al Barclays Center di Brooklyn a New York sono arrivati i giovani e i giovanissimi, ma anche migliaia di fan coetanei di Mick Jagger e soci, che vantano un'età media di 68 anni e un'energia decisamente fuori dal comune. Molti quelli che si chiedono se il tour sarà l'ultimo della carriera della band britannica, ma nessuno degli Stones ha ancora sciolto la riserva. Ad aprire lo show newyorkese ci ha pensato il classico 'Get off of my clouds', seguito da un omaggio ai Betales con 'I wanna be your man'. E poi ancora, tutti i classici che hanno fatto la storia del gruppo, da 'Simpathy for the devil' a 'Brown Sugar', da 'Jumping Jack Flash' al classico finale con 'Satisfaction'.

Un Mick Jagger in ottima forma e vestito di pailettes e pantaloni aderenti, ha guidato lo show, sfoggiando persino un mantello di piume nere. Ad accompagnarlo i suoi chitarristi Keith Richards e Ronnie Woods e, naturalmente, il batterista Charlie Watts. Special guest Mary J. Blige, che ha cantato con Jagger 'Gimme Shelter'. Gli Stones suoneranno ancora negli Stati Uniti il 13 e il 15 dicembre a Newark, in New Jersey, mentre il 12 saranno al Madison Square Garden per il grande concerto di beneficenza in favore delle vittime dell'uragano Sandy. Con loro, sul palco, ci saranno, tra gli altri, gli Who, Paul McCartney, Eric Clapton, Bruce Springsteen ed Eddie Vedder.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata