Natale, i ladri entrano in casa di Corona. Lui: "Spero in Salvini"

L'ex paparazzo filma tutto e condivide sui social l'appartamento sottosopra

È tornato, ha trovato la casa sottosopra e ha subito preso in mano lo smartphone per documentare ogni cosa. I ladri sono entrati in casa di Fabrizio Corona e l'ex re dei paparazzi ha condiviso sul web tutta la sua rabbia.

Sulle storie del suo profilo Instagram il fotografo ha raccontato e mostrato ciò che è accaduto: nella notte tra il 23 e il 24 dicembre, Corona è rientrato a casa intorno le 2.30 di mattina. Quando ha aperto la porta non ha potuto fare a meno di notare l'effrazione: oggetti sparpagliati ovunque, mobili rovescati, cassetti svuotati, persino i regali sotto l'albero di Natale aperti.

"Anche il giorno di Natale mi sono entrati in casa. Si sono bevuti anche un'aranciata a sfregio e l'hanno lasciata qui per prendermi in giro", ha dichiarato su Instagram, documentando ogni cosa con foto e video. Non solo la confusione e gli oggetti mancanti, ma anche i danni subiti (come i buchi nel muro). Poi ha tirato in mezzo il ministro dell'Interno. "Prima o poi mi faccio 30 anni di galera, a meno che la legge di Matteo Salvini non mi salvi", ha scritto nelle Stories riferendosi alle proposte del vicepremier in merito all'eliminazione dell'eccesso di legittima difesa e a maggiori tutele per chi si difende da una persona che ha commesso violazione di domicilio.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata