Musica, James Taylor ad aprile in Italia: Il luogo dove preferisco suonare al mondo

Roma, 12 gen. (LaPresse) - James Taylor e la sua band sbarcano in Italia con sei concerti in programma nell'aprile 2015. "Sono molto felice di tornare in Italia per questa serie di concerti. A prescindere dalla bellezza dai luoghi in un mondo sempre più omogeneo apprezzo l'Italia perche ogni sua città ha una sua spiccata personalità e delle caratteristiche che la rendono unica", ha detto oggi in conferenza stampa a Roma il cantautore, vincitore di svariati Grammy Award, che in oltre 40 anni di carriera ha venduto oltre 100 milioni di album in tutto il mondo ed è stato inserito sia nella Rock and Roll Hall of Fame che nella Songwriter's Hall of Fame.

Il tour italiano parte il 18 aprile a Torino (Auditorium Lingotto), per proseguire il 19 a Roma (Auditorium Parco della Musica), il 21 a Firenze (ObiHall), il 22 a Trieste (Politeama Rossetti), il 24 a Padova (GranTeatro Geox) ed il 25 l'ultimo concerto a Milano (Teatro degli Arcimboldi). Nei mesi di maggio-giugno invece è in programma l'uscita di un nuovo album. Nel tour italiano ci saranno 3-4 nuovi brani del suo nuovo lavoro inseriti in scaletta. Taylor ama l'Italia e fra le sue esibizioni italiane passate di particolare impatto è stata senza dubbio quella del 19 luglio 2011 quando ha suonato in Piazza San Marco a Venezia.

"Vengo nel vostro paese tutte le volte che è possibile cercando sempre di portare con me tanti musicisti - ha raccontato ancora - Questa volta saremmo in otto sul palcoscenico. La mia band è un gruppo staordinario ed è un privilegio per me poter lavorare con loro. Sono la gioia della mia vita e gli devo parte del successo che ho avuto nella mia carriera". Anche dal punto di vista del rapporto con i fan l'artista mette l'Italia in vetta alla sua classifica di preferenze. "Amo l'energia che qui sento nei miei concerti - conclude - l'audience italiana è la mia preferita dove suonare al mondo".

I classici del cantautore statunitense, nato a Belmont il 12 marzo 1948, vanno da 'Sweet Baby James' del 1970 ad 'October Road' del 2002, con i quali Taylor è stato fonte di ispirazione per tantissimi musicisti grazie alla sua calda voce ed al distintivo suono di chitarra. L'artista gode, fra gli altri, di grande stima da parte del presidente degli Usa, Barack Obama. Taylor infatti è stato invitato a suonare a 'Ground Zero' nel corsa della cerimonia per i 10 anni dall'attentato alle Torri Gemelle commuovendo i presenti con una versione acustica di 'You can close your eyes' ed è stato anche uno dei pochi artisti musicali selezionati per esibirsi alla cerimonia di insediamento del secondo mandato dello stesso Obama. che lo ha anche insignito della 'National Medal of Arts' in una cerimonia alla Casa Bianca.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata