Tiziano Ferro: "Da Fedez bullismo". Il rapper: "Agiamo insieme contro l'omofobia"
Tiziano Ferro: "Da Fedez bullismo". Il rapper: "Agiamo insieme contro l'omofobia"

Botta e risposta tra il cantautore di Latina e l'ex giudice di X Factor: "Mi spiace quando gli atti di presa in giro sono legati al mondo dei sentimenti e della sessualità". La replica: "E' un testo scritto 10 anni fa, ora collaboriamo sul tema"

Botta e risposta, a distanza, fra Tiziano Ferro e Fedez. A scatenare la discussione, una frase del cantautore di Latina pronunciata in conferenza stampa presentando il suo nuovo album 'Accetto miracoli'. Dopo aver parlato di offese e bullismo, subito anche da "persone che scrivono canzoni", a chi gli chiede se il riferimento è a Fedez (che in 'Tutto il contrario' lo cita, facendo riferimento alla sua omosessualità) risponde: "Potrebbe, uno dei...". Per poi aggiungere, deciso: "Finchè si scherza va bene. Ma mi spiace quando gli atti di presa in giro sono legati al mondo dei sentimenti e della sessualità. Anche una battuta può mettere un adolescente in condizione di disagio. Che un idolo dei ragazzini mi prenda in giro su quelle dinamiche è un atto di bullismo molto forte. Mi dispiace non ci sia una legge contro l'odio, se ne sente il bisogno".

Appreso delle parole del collega, il rapper prontamente risponde via stories su Instagram e spiega la sua versione dei fatti. Prima di tutto, si parla di un testo "scritto una decina di anni fa, mi stupisce il tempismo. L'ho scritta quando avevo 19-20 anni. Mi fa strano dover rendere conto di una cosa scritta dieci anni fa, a 19 anni si è persone diverse e ci si esprime con toni completamente diversi". Poi, però, aggiunge: "Le preferenze sessuali di un'artista per me sono accessorie, poi lo condisco con scrittura dissacrante. Ma penso negli anni di aver dimostrato che io e l'omofobia viaggiamo in parallelo e non ci incontriamo mai. Con Mika abbiamo fatto un sacco di cose contro il bullismo e l'omofobia".

Infine, si scusa, spiegando che "non era quella l'intenzione" della canzone e che "mi spiace se poteva prestarsi a male interpretazioni". Fino ad arrivare a lanciare un invito: "Sono sicuro che sul tema omofobia e bullismo sia io che Tiziano possiamo trovarci d'accordo e fare tante cose belle insieme. Cerchiamo di rendere costruttiva questa cosa, invece che litigare tramite interviste. Vorrei rilanciare: laddove Tiziano avesse voglia di rendere costruttiva questa parentesi e fare qualcosa che possa sensibilizzare sulla tematica omofobia e bullismo mi trova a completa disposizione. Potremmo raggiungere tantissime persone. Facciamo qualcosa di bello".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata