foto Riccardo Medana
foto Riccardo Medana
Collisioni chiude con Thom Yorke: 100mila presenze complessive

Il leader dei Radiohead protagonista dell'ultima serata della manifestazione a Barolo.  Oltre 50 eventi e una ventina di live sui 5 palchi allestiti in altrettante piazze

Thom Yorke ha deciso di aprire il suo tour italiano da Barolo e con il suo concerto, mercoledì sera, lo storico frontman dei Radiohead ha sancito il gran finale di Collisioni 2019, a corollario di una XI edizione costellata dai concerti di Eddie Vedder, Liam Gallagher, Max Gazzè e Carl Brave con Daniele Silvestri e Rkomi, Salmo e Maneskin, 30 Seconds to Mars, Macklemore e Calcutta; oltre ai live di Al Bano e Mahmood nel weekend di incontri in paese.

Anche quest'anno, infatti, la due-giorni di incontri nelle piazze di Barolo per Collisioni si è confermata un successo e una vetrina per tutto il Piemonte. Il pubblico arrivato in paese da ogni angolo di Italia e d'Europa, ha potuto assistere a oltre 50 eventi e una ventina di live sui 5 palchi allestiti in altrettante piazze: una commistione di generi (letteratura, musica, enogastronomia, giornalismo, televisione, cinema) e di visitatori (con eventi pensati per ogni fascia di età, dagli spettacoli di Collisioni Kids per i bambini, alle degustazioni del palco Wine&Food).

Con il live di Yorke, quindi, Collisioni ha superato le 100.000 presenze complessive a Barolo, con visitatori provenienti da tutte le regioni italiane, ma anche con una forte presenza internazionale, dalla Polonia agli Stati Uniti, dall'Inghilterra alla Germania, tant'è che le navette hanno dovuto prevedere un servizio anche in lingua inglese per orientare il numeroso pubblico.

"Un successo per tutto il territorio, frutto di un lavoro collettivo che ha visto in prima linea istituzioni, consorzi, aziende, Fondazioni", dichiara il direttore artistico del festival Filippo Taricco. "Un ringraziamento particolare va al comune di Barolo che ci ospita da 8 anni; alle centinaia di volontari che arrivano da tutta Italia e rendono possibile questo miracolo piemontese. Lo scorso anno Collisioni, nel suo decennale, sembrava arrivato al capolinea, ma abbiamo tenuto duro, convinti che questo festival fosse ormai diventato una vetrina turistica irrinunciabile per tutta la Regione. Quest'anno l'Associazione Collisioni, malgrado le capienze così ridotte, ha fatto enormi investimenti e sacrifici, per dare al pubblico che ogni anno arriva a Barolo da tutta Italia ed Europa un grande evento internazionale, un festival europeo di primo piano all'altezza delle aspettative. Stiamo dialogando molto bene con la nuova giunta regionale, e ci auguriamo di poterci mettere subito al lavoro al termine del festival, per dare finalmente a questo grande evento che ci invidiano in tutta Italia e non solo la sostenibilità che merita".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata