Michael Jackson, causa in Giappone per prodotti non autorizzati

Tokyo (Giappone), 9 ott. (LaPresse/AP) - I legali che tutelano il patrimonio di Michael Jackson hanno fatto causa a un uomo e tre società in Giappone per aver usato il nome e l'immagine della popstar, scomparsa nel 2009, su portachiavi, tazze e altri prodotti senza autorizzazione. La querela è stata presentata a Tokyo il mese scorso e non cerca un risarcimento in denaro ma chiede di fermare la produzione dei gadgets. Si tratta di Ryosuke Matsuura e tre società: Michael Jackson Asian Rights, Michael Jackson Enterprises, Michael Jackson World.

I legali dell'accusa hanno sottolineato di voler proteggere i legittimi partners commerciali e tutelare l'eredità di Jackson. Inoltre pare che Matsuura voglia contestare le accuse. Michael Jackson, definito 're del pop' è morto in California nel 2009 per un'overdose di anestetico.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata