"Maxi", sulla Rai arriva la docufiction sul processo a Cosa Nostra

La serie di 7 puntate, che ha la regia di Graziano Conversano, andrà in onda su Rai Storia da martedì 23 ottobre ed è già disponibile su RaiPlay

A più di trent'anni dall'inizio del maxiprocesso di Palermo contro Cosa Nostra, la Rai fa rivivere quei giorni, che segnarono lo spartiacque nella lotta alla mafia, nella docufiction Maxi. Il grande processo alla Mafia.

Una serie tv che ricostruisce attraverso immagini dell'epoca e scene di fiction la storia dei 638 giorni del processo istruito dal pool di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino che vide "476 imputati, 200 avvocati, 8 mila pagine di sentenza, 19 ergastoli e 2665 anni di carcere complessivi". Lo ha ricordato la direttrice di Rai Cultura Silvia Calandrelli all'evento di presentazione nella sede Rai di Viale Mazzini a cui ha partecipato il Procuratore Nazionale Antimafia e Terrorismo Federico Cafiero De Raho. Presenti anche alcuni degli esponenti più influenti della lotta alla mafia: da Pietro Grasso, giudice a latere nel primo maxiprocesso, a Franco La Torre, da Federica Angeli a Lirio Abbate.

Il racconto, attraverso la voce narrante di Franco, un giornalista Rai interpretato da Giovanni Guardiano, e dei suoi collaboratori Gianni (Fabrizio Colica) e Teresa (Chiara Spoletini), si mescola alle immagini dell'epoca e fa rivivere l'epopea di giornalisti e tecnici Rai chiamati a documentare l'intero processo, per il pubblico italiano e per le tv di tutto il mondo. La Rai fu infatti l'unica emittente ad essere autorizzata a seguire il processo e per realizzare la serie, Rai Teche ha restaurato e digitalizzato le oltre 1200 ore di girato delle udienze in aula. "Un lavoro importantissimo e straordinario per far comprendere alla gente che cosa è la mafia in un momento storico in cui se ne parla sempre meno", ha sottolineato il Procuratore Antimafia De Raho esprimendo la speranza che "una storia come questa possa dare l'impulso per troncare la latitanza di Matteo Messina Denaro", il boss di Cosa Nostra ancora a piede libero dopo trent'anni.

A esprimere apprezzamento e gratitudine per il lavoro svolto, è stato anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che in un messaggio inviato alla Rai ha definito la serie "un'opera storiografica di grande rilievo che permetterà soprattutto ai giovani di conoscere e approfondire l'impegno di quei tanti servitori della Repubblica che seppero tenere alta la bandiera della legalità e dello stato di diritto infliggendo a Cosa Nostra un colpo senza precedenti". La serie di 7 puntate, che ha la regia di Graziano Conversano, andrà in onda su Rai Storia da martedì 23 ottobre ed è già disponibile in anteprima da oggi su RaiPlay.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata