Malawi, Madonna: Rattristata da accuse, ma vado avanti per i bambini

Blantyre (Malawi), 10 apr. (LaPresse/AP) -"Rattristata": così si definisce Madonna, in risposta al governo del Malawi che ha accusato la popstar di aver preteso trattamenti di favore nella sua ultima visita nel Paese africano. Il premier del Malawi, Joyce Banda, secondo la signora Ciccone "ha scelto di rilasciare bugie su quello che abbiamo fatto, le mie intenzioni, come io personalmente mi sono comportata durante la visita in Malawi e altre falsità. Non ho alcuna intenzione di essere distratta da queste accuse ridicole".

In un comunicato diffuso ieri dal portavoce del governo di Lilongwe, Tusekele Mwanyongo, si riferiva che Madonna con i suoi figli e l'entourage aveva preteso di non fare la fila all'aeroporto, affermando che la popstar "vuole che il Malawi sia per sempre incatenato all'obbligo di gratitudine" e che "nessun governo, compreso quello del Malawi, l'obbligo di trattarla come un capo di Stato". Nel comunicato, Banda notava che "La generosità, nel suo significato ordinario, è gratuita e anonima. Se non può essere libera e silenziosa non è generosità, è qualcos'altro. Il ricatto è la cosa a cui più si avvicina". Quindi il presidente chiedeva dove fossero le scuole nuove che Madonna afferma di aver finanziato, e che in realtà si tratta di edifici già esistenti, concludendo: "Questo è un insulto al popolo del Malawi, non può mentire al mondo a nostre spese".

"Sono venuta in Malawi sette anni fa con intenzioni onorevoli - ha dichiarato Madonna in un comunicato - sono tornata all'inizio di questo mese per vedere le nuove scuole che abbiamo costruito. Non abbiamo mai chiesto o preteso un trattamento speciale in aeroporto o altrove durante la mia visita. Non sarò distratta o scoraggiata dalle agende politiche di altra gente. Ho fatto una promessa ai bambini del Malawi e manterrò la parola data".

Un portavoce della cantante ha espresso sorpresa per le ultime critiche, definendo "sciocchezze" le affermazioni riguardo la richiesta di trattamenti speciali. "È ovvio che questi attacchi sono influenzati dal fatto che la sorella del presidente è stata rimossa dal ruolo di capo dell'organizzazione di Madonna in Malawi, perché c'erano preoccupazioni sulla cattiva gestione di 3,8 milioni di dollari" ha detto Trevor Neilson, il cui gruppo Global Philanthropy gestisce i progetti di Madonna nel paese. "Essendo il più grande filantropo privato in Malawi, ci si aspetterebbe che il governo fosse contento che del tempo e denaro che Madonna dedica a uno dei paesi più poveri del mondo" ha detto Neilson.

Illazioni respinte immediatamente da Banda tramite una nota, in cui nega di essere arrabbiato per il licenziamento della sorella minore, Anjimile Mtila-Oponyo, dal ruolo di Ceo dell'ente di beneficenza di Madonna, Raising Malawi. Nella dichiarazione, il presidente ha detto di aver ospitato altre star internazionali come Chuck Norris, Bono, David James, Rio Ferdinand e Gary Neville "che non hanno mai richiesto l'attenzione o il decoro dello Stato, nonostante la loro statura altrettanto abbagliante". Madonna, che ha adottato qui due dei suoi quattro figli, David Banda e Mercy James, entrambi di 8 anni, sembra impassibile. "Le mie ragioni per essere qui non sono mai cambiate. Sono qui perché ho profondamente a cuore i bambini del Malawi, che sono la mia priorità principale".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata