Lecce, lo spettacolo 'Paladini di Francia' di Koreja vola a Bangkok

Bari, 4 nov. (LaPresse) - Dopo aver già toccato Venezuela, Libano, Serbia, Svizzera, Germania, Spagna, Montenegro, Iran, Turchia e Russia una nuova tappa internazionale per lo spettacolo 'Paladini di Francia spada avete voi, spada avete io' della compagnia teatrale leccese dei Cantieri Koreja.

Giovedì 6 novembre alle 19 'Paladini di Francia' sarà a Bangkok (Thailandia) presso il Princess Maha Chakri Sirindhorn Anthropology Centre ospite dell'Harmony World Puppet Carnival, uno dei più grandi e spettacolari carnevali di marionette del mondo che si svolge dall' 1 al 10 novembre, in cui vengono selezionate 165 compagnie provenienti da 80 diversi paesi. Le marionette, si comportano come ambasciatrici e favoriscono lo scambio di arti e cultura tra le nazioni. Questo carnevale internazionale, funziona come una piattaforma per burattinai, amanti del genere e appassionati di cinema e animazione che si incontrano per illustrare diverse competenze e diversità artistiche e culturali. 'Paladini di Francia' è una storia senza tempo, resa attuale attraverso il gioco del teatro nel teatro dove i personaggi dell'Ariosto come pupi, ritornano in vita, ognuno diverso dall'altro, raccontando le conseguenze della guerra e dell'amore, il destino e la ricerca quotidiana della propria dignità in un viaggio meraviglioso e poetico.

Quattro attori per undici parti e altrettanti pupi, cambiano identità di scena in scena: undici pupi che si comportano in modo diverso se sono in scena o appesi fuori scena. Angelica, Rinaldo, Astolfo, Bradamante, Fiordiligi e Orlando al cospetto di Carlo Magno raccontano una storia chiarissima e comicamente, ineluttabilmente, tragica. Come la vita. Ad ispirare lo spettacolo, Boiardo e Ariosto, Celati e Calvino. Ma soprattutto la tradizione dei Pupi siciliani e 'La chanson de Roland', Pasolini di 'Che cosa sono le nuvole?' e, ancora, Shakespeare e Rostand ma anche Amleto, Riccardo III, Macbeth, Bottom e Cyrano de Bergerac. Poi c'è Tolstoj di 'Guerra e pace' e una serie di canzoni da 'Che cosa sono le nuvole?', il capolavoro di Domenico Modugno cantato proprio per Pasolini, e poi una canzone che non è nello spettacolo, ma che lo ha nutrito: la versione italiana di 'Bang bang', cantata da Dalida, dove amore e colpi di pistola attraversano prima i giochi dell'infanzia e poi l'età adulta. Lo spettacolo, il 13 settembre scorso, ha ricevuto in Russia ad Ekaterinburg, il premio speciale della giuria per il mantenimento e lo sviluppo delle tradizioni, durante la 7a edizione del festival internazionale dei teatri di marionette 'Petrushka il Grand'. Dedicato a 'Che cosa sono le nuvole?' di Pier Paolo Pasolini, 'Paladini di Francia' è uno spettacolo di Francesco Niccolini, per la regia di Enzo Toma con Francesco Cortese, Carlo Durante, Emanuela Pisicchio e Silvia Ricciardelli.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata