La vita in diretta, caso Noventa: decisive telefonate tra fermati
Fondamentali per le indagini anche i filmati delle telecamere e gli interrogatori incrociati

 'La vita in diretta' su Rai1 dedica oggi un approfondimento sul caso di Isabella Noventa. La polizia di Stato di Padova ieri ha fermato tre persone per la sua scomparsa: Freddy Sorgato, amico della donna, la sorella Debora e Manuela Cacco, legata sentimentalmente a Freddy. "Per Paolo (Noventa, fratello di Isabella, ndr) è una giornata terribile, sta passando dei momenti difficili per stare vicino alla mamma che non sta bene", ha detto il legale della famiglia Noventa in collegamento.

Secondo l'inviata del programma decisivi per le indagini sono stati due fattori: i filmati delle telecamere e le telefonate intercorse tra i 3 la sera della scomparsa della donna. E' andata in onda anche un'intervista di qualche giorno fa a Manuela Cacco, una delle fermate: "Freddy non riusciva a capire cosa facesse esattamente Isabella, anche se all'inizio era tutto rose e fiori. Geloso? Ci teneva molto, non si fidava più di lei. Lei spendeva molti soldi con un alto tenore di vita. Noi pensiamo che sia viva".
 

"Lei era venuta più volte nel mio negozio a molestarmi verbalmente, lei era convinta che io le volessi portare via Freddy. Gelosa di me? Credo di sì, sapeva che Freddy mi aveva aiutato anche economicamente", aveva aggiunto nell'intervista Cacco. In studio si parla anche del dettaglio delle scarpe che portava Noventa, delle calzature da tennis numero 35. Secondo il responsabile della mobile di Padova "gli indizi sono frutto delle indagini svolte grazie ai filmati delle telecamere e agli interrogatori incrociati. C'è un frame nel quale si vede una vettura, quella di Sorgato, che arriva in piazza intorno all'una. Poi si vede una persona con un giubbotto bianco a piedi, che potrebbe essere Manuela Cacco".

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata