Kanye West condannato a 2 anni di libertà vigilata e ai servizi sociali

Los Angeles (California, Usa), 18 mar. (LaPresse/AP) - Il rapper Kanye West è stato condannato a due anni di libertà vigilata, a 250 ore di servizi sociali e a 24 sessioni di terapia per gestire la rabbia. Questa la sentenza emessa da un giudice di Los Angeles nei confronti del cantante per aver assalito un fotografo all'aeroporto internazionale di LA nel mese di luglio. L'aggressione è stata ripresa in un videoclip, poi divulgato sui siti di gossip, in cui si vede la colluttazione tra i due mentre West cerca di sottrarre al paparazzo la macchina fotografica.

"Stavo facendo il mio lavoro e lui ha infranto la legge" ha detto il fotografo. "Se avessi fatto io quello che lui ha fatto a me, ora sarei dietro le sbarre". I pubblici ministeri hanno rifiutato di muovere accuse penali contro il rapper ma hanno deciso di procedere per il riscatto delle spese legali.

West non è nuovo a questo tipo di episodi, nel 2008 ha avuto un alterco con altri fotografi all'interno dell'Aeroporto internazionale di Los Angeles ma i casi si sono chiusi dopo aver completato un percorso di cura per la gestione della rabbia e aver accettato di rifondere ai fotografi le apparecchiature rotte durante la lite.

A inizio anno West ha chiuso con un accordo civile la causa presentata da un uomo che lo ha accusato di averlo aggredito in uno studio medico a Beverly Hills. Il 13 gennaio scorso è scoppiata un'altra lite dopo che un giovane 18enne avrebbe offeso con un insulto razzista la fidanzata di West, Kim Kardashian. Dopo che la 'socialite' ha raccontato l'accaduto a Kanye West, il rapper è andato su tutte le furie e ha attacco l'uomo nello studio del chiropratico.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata