Julianne Moore: I miei figli felici che abbia fatto 'Hunger games'

Milano, 31 ott. (LaPresse) - I più felici di questa sua nuova prova? "I miei figli (Caleb, 16 anni, e Live, 12, ndr): non capita spesso che giri qualcosa di adatto a loro". Così la poliedrica Julianne Moore racconta perché ha abbandonato gli inconfondibili capelli rossi per trasformarsi nell'argentea Alma Coin, presidentessa del distretto 13, fra i protagonisti di 'Il canto della rivolta', terzo episodio della serie 'Hunger Games' (nelle sale dal 20 novembre).

"Nata per i teenager, questa saga mi ha sempre attratta. Affronta temi importanti come il libero arbitrio: che cosa è sotto il mio controllo e che cosa non lo è? Determino io il futuro? Ed è poi magnifico che sia una donna l'eroe che deve prendere decisioni destinate a cambiare il mondo", racconta a 'Io donna', in edicola sabato 1 novembre, e su iodonna.it.

"Il primo della famiglia a leggere il romanzo è stato Caleb, qualche anno fa - dice l'attrice - Si era appassionato e io ero contenta che si entusiasmasse per un libro. Poi l'ha letto mia figlia e anch'io: e sì, mi ha conquistato".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata