Jovanotti, il Babbo Natale dei cani: dona 23 quintali di cibo

La solidarietà del cantante non è passata inosservata

Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, indossa i panni di Babbo Natale per gli amici a 4 zampe. L'artista ha regalato 23 quintali di cibo al canile Ossaia, a Cortona nell'aretino. E non è un debutto il suo quello nella solidarietà animalista. Da anni infatti sostiene la struttura toscana con donazioni.

La responsabile del canile, Stefania Bistarelli, gestita dall'associazione Etruria Animals Defendly, ha espresso il suo ringraziamento a Jovanotti anche via social. "Il Canile di Ossaia - ha scritto Bistarelli - ringrazia sentitamente Jovanotti che anche quest'anno non ha fatto mancare il suo regalo di Natale ai nostri amici a quattro zampe, e con l'occasione, ringrazia anche tutte le persone che ci sostengono e ci aiutano sempre durante l anno". "Qui i bisogni sono sempre di casa e oltre al cantante cortonese ci teniamo a ringraziare anche le tantissime persone che ogni anno raccolgono i nostri inviti a contribuire partecipando alle collette alimentari, alle cene e agli aperitivi solidali e anche con donazioni dirette, anche durante il mercatino solidale che stiamo portando avanti nel centro della città in occasione del Natale", spiega Stefania Bistarelli. In questi ultimi giorni sono nati anche 7 cuccioli che presto verranno adottati". La soddisfazione è grande: "Siamo piuttosto soddisfatte delle adozioni che si sono concretizzate nel 2018. La sensibilità dei cittadini cresce e tante famiglie scelgono di venire a conoscere i nostri amici a quattro zampe", ha concluso Bistarelli.

L'esempio di Jovanotti potrà aiutare altri slanci di generosità verso gli amici a 4 zampe. Intanto, grazie al gesto del musicista gli animali sotto l'albero natalizio troveranno tante crocchette e tanto cibo umido in scatola. Jovanotti, che ha anche aiutato il canile di Vasto, in Abruzzo, conferma con questo ennesimo atto solidale il suo impegno personale e 'sul campo' nelle battaglie sociali. Non solo quelle animaliste, ma anche a favore delle persone più disagiate e in difficoltà. Dai bambini africani, passando anche per le lotte per l'abolizione della pena di morte e l'accoglienza dei migranti.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata