Johnny Depp porta al cinema il libro dell'amico Thompson 'Rum diary'

Los Angeles (California, Usa), 26 ott. (LaPresse/AP) - Johnny Depp ha un ricordo vivido del primo incontro che ha avuto con lo scrittore Hunter S. Thompson e diciassette anni dopo quel giorno, Depp dà vita, come produttore e come attore, all'adattamento cinematografico di 'The rum diary', scritto da Thomposn nel 1960, ma pubblicato solo quando Johnny si è imbattuto nel manoscritto un quarto di secolo dopo. Depp e Thompson, che si uccise sparandosi nel 2005, s'incontrarono quando l'attore stava passando il Natale ad Aspen in Colorado vicino alla casa dell'autore. Depp, che aveva letto 'Fear and Loathing in Las Vegas' (titolo originale di 'Paura e disgusto a Las Vegas'), un reportage scritto nel 1971 dal giornalista Hunter S. Thompson, ha colto subito l'occasione che gli si è presentata quando un amico comune ha voluto presentargli l'autore. Da allora, Johnny e Thompson hanno stretto amicizia e hanno scoperto che entrambi arrivavano dal Kentucky e hanno condiviso molti eroi letterari come Ernest Hemingway e Nathaniel West.

Depp ha recitato la parte dell'alter ego di Thompson nel 1998, nell'adattamento cinematografico 'Fear and loathing' (Paura e delirio) e per prepararsi a quel ruolo, ha passato molto tempo tra le cose di Hunter. E nella cantina di casa sua, aprendo una delle tante scatole, ha trovato il manoscritto intitolato 'The rum diary' a caratteri rossi. Era la storia di un giovane reporter a Porto Rico. Depp era riuscito a convincere Thompson a pubblicare il romanzo, ma in cambio avrebbe dovuto farne una versione per il cinema. Hanno sviluppato il progetto insieme per anni e Depp si è impegnato a portare la storia sul grande schermo. Dopo quel periodo, Thompson si è suicidato, quando il suo fisico era già provato da varie malattie.

Uno dei produttori del film Graham King ha detto di aver visto un Depp diverso: "Non sto dicendo che non mette tutto in ogni film che fa, ma questo è diverso. In questo c'è qualcosa di più vicino al suo cuore. Per lui non è un lavoro". Anche il co-protagonista, Amber Heard, ha visto un inedito Johnny: "Fa esattamente quello che vuole fare e penso sia importante lottare per progetti per cui ha un'integrità artistica". Nella carriera di Johnny ci sono stati spesso film stravaganti e rischiosi al box office, solo più tardi, una volta che si è fatto conoscere al mondo di Hollywood, ha ottenuto fama e successi cone 'I Pirati dei Caraibi' e 'Charlie e la fabbrica di cioccolato'.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata