Gf, Ilary Blasi e la vendetta su Fabrizio Corona attesa da tredici anni | Video

Uno scontro televisivo dai toni pesanti

"Sei un caciottaro, io quelli come te li sgamo subito", durante il collegamento del Grande Fratello Vip con Fabrizio Corona, la conduttrice Ilary Blasi si è tolta un sassolino dalla scarpa. Un sassolino che la infastidiva da tredici anni.

Nel 2005, un mese prima che sposasse Francesco Totti, e sei mesi prima che la coppia avesse il primo figlio, Gente pubblicò un'intervista a Flavia Vento in cui l'ex 'ragazza sottovetro' raccontava una notte di passione con il capitano della Roma. Francesco Totti ha sempre negato il presunto tradimento e nella sua autobiografia, Un capitano, dà la sua versione della serata incriminata: con Flavia Vento si sarebbe solo incrociato e salutato al ristorante. Nonostante abbia sempre creduto a suo marito, Blasi ha più volte dichiarato di aver sofferto molto per questa 'bomba' scoppiata a un mese dalle nozze, organizzata da Fabrizio Corona.

 

 

Così la conduttrice non ha esitato un momento a dire ciò che pensa quando il noto paparazzo è andato alla casa del Grande Fratello per confrontarsi con la ex Silvia Provvedi. Anche su di lei, Corona avrebbe detto bugie e Blasi non ci ha visto più. "Ti rendi conto quello che mi ha fatto 13 anni fa? Tu giochi con i sentimenti", gli ha detto. "Lo sa tutta Italia chi sei, io quelli come te li sgamo da prima che inizino a parlare. Hai organizzato tutto quando mi dovevo sposare ed ero incinta del mio primo figlio", ha continuato la conduttrice.

Parole a cui Corona ha risposto urlando di rabbia. "Tuo marito ha scritto un mare di cazzate. La verità - ha detto - è che siamo tutti cornuti e tu sei stata tradita a un mese dal matrimonio”. E poi la minaccia:  "Persone importanti in tv sanno che quello che ha scritto tuo marito è una stronzata. Io ti rovino". A quel punto Ilary Blasi ha chiuso il collegamento, ma lo scontro è rimbalzato sui social creando vere e proprie fazioni che si sono schierate con l'uno o con l'altro personaggio.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata