Il jazzista Chick Corea celebra i 70 anni al Blue Note di New York

New York (New York, Usa), 6 nov. (LaPresse/AP) - Chick Corea si esibisce il Blue Note jazz club per tutto il mese di novembre e ha invitato i suoi amici musicisti per una celebrazione tardiva del suo 70esimo compleanno.

Nel corso del mese di concerti, il pianista jazz si esibisce in 10 formazioni diverse con quasi 30 musicisti. E molti pomeriggi sono riservati alle prove al club. "Sto praticamente vivendo qui" dice ridendo Corea, intervistato sul palco del club prima di una prova con un nuovo trio che ha fatto il suo debutto giovedì sera con il batterista Brian Blade e il bassista Gary Peacock.

Corea sta ripetendo su scala più grande le tre settimane da musicista residente con nove formazioni che aveva già fatto al Greenwich Village club, in occasione del suo 60esimo compleanno, che ha portato il doppio CD 'Rendezvous A New York' con cui ha vinto un Grammy e un una raccolta di 10 dvd.

Solo due di questi complessi, i duetti con il vibrafonista Gary Burton e con il vocalist Bobby McFerrin, sono tornati insieme in questa occasione, una sorta di testamento musicale dell'eclettica visione di Corea.

Corea avrebbe potuto festeggiare il suo compleanno con un concerto su larga scala a giugno, ma ha preferito questa esibizione estesa al jazz club da 200 posti. C'è più improvvisazione nei club. È più piccolo ed intimo. Senti il pubblico proprio lì con te" ha detto Corea.

Il 16 volte vincitore di Grammy ha detto di non vedere queste riunioni musicali come un'occasione per riflettere sui risultati ottenuti in passato. "Non ho mai apprezzato l'idea di cercare di confrontare quello che sto facendo con il passato - ha detto - il futuro mi eccita e quando suono con i miei amici l'atmosfera è vibrante e divertente".

Corea anche si esibirà, tra gli altri, con i compagni di jazz-rock, il chitarrista John McLaughlin, con gli allievi di Miles Davis, e con Herbie Hancock, un duetto che attende con ansia perché sarà il loro primo concerto dal vivo insieme dal 1978. "Lavorare con Chick è sempre stata un'esperienza molto edificante per me, perché la vediamo allo stesso modo su tante cose - ha detto Hancock - non dobbiamo fare nulla per capirci l'un l'altro. Ci guardiamo l'un l'altro e ha colpito una nota o un accordo, ed è fatta".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata