Ricomincia Grey's Anatomy. Giacomo Gianniotti: “Grazie alle donne siamo arrivati alla 15ma stagione”

L'attore italiano che veste i panni di Andrew DeLuca racconta la sua esperienza nel noto medical drama della Abc che il 27 settembre ricomincia negli Usa

Quando è entrato in Grey’s Anatomy doveva essere un personaggio secondario, ma Giacomo Gianniotti ha saputo farsi strada in una delle serie tv più amate di sempre. Nato a Roma, ma cresciuto a Toronto, il ventinovenne ha diviso la sua vita e il suo cuore tra Canada – il paese di sua madre – e l’Italia, dove è nato invece suo padre.

La passione per la recitazione però lo porta a trasferirsi negli Stati Uniti dove effettivamente arriva la svolta della carriera: viene preso come ‘guest’ per l’undicesima stagione del medical drama di Shonda Rhimes. Ma il medico canadese con quel bel nome italiano piace al pubblico e così Andrew DeLuca – alias Gianniotti – diventa un membro ricorrente della serie e poi, ufficialmente, un membro regolare.  

L'intervista video a Giacomo Gianniotti

“Ero molto nervoso quando ho iniziato – ha svelato a Roma in un italiano fluente, fortemente marcato dall’accento anglofono - perché il cast non solo era consolidato ma era composto da attori più grandi di me che hanno avuto una carriera prima di Grey’s Anatomy”. Eppure le difficoltà sono passate in un baleno: “Mi sono subito sentito a mio agio, sono stati tutti molto gentili con me. La difficoltà principale è dire tutti quei termini tecnici medici uno dopo l’altro: all’inizio se non ci sei abituato non è affatto facile”. A dargli una mano è stato in primis una pietra miliare della serie, James Pickens che ormai dal 2005 interpreta il Dott. Webber. “È stato lui il primo a mettermi davvero a mio agio”, ha ricordato Gianniotti nel suo incontro con la stampa a Roma. “Sembrava il primo giorno di scuola: eravamo tutti insieme per leggere la puntata e io ero seduto da solo, non conoscevo nessuno. Lui che è il più anziano, ha attraversato la sala, è venuto da me e si è presentato dandomi il benvenuto in Grey’s Anatomy”.

La serie, attiva ormai da 13 anni, è arrivata alla quindicesima stagione (che parte giovedì 27 settembre negli Stati Uniti e lunedì 29 ottobre in Italia). Un traguardo incredibile che solo pochissimi prodotti per la tv hanno raggiunto. Il segreto del suo successo? Secondo Gianniotti sono le donne. “Shonda Rhimes – ha spiegato l’attore - ha creato una serie con tanti personaggi femminili forti e indipendenti, cosa che non eravamo abituati a vedere in televisione all’epoca in cui è stata lanciata la serie. Per molte donne è stato molto bello avere dei modelli femminili a cui ispirarsi. Ho conosciuto anche infermiere e dottoresse che mi hanno detto che si sono avvicinate a quel mondo proprio grazie a Grey’s Anatomy. Shonda Rhimes è una showrunner che usa Grey’s Anatomy per dare spazio ad alcuni temi, idee politiche o per far conoscere malattie poco note. Non racconta solo una storia, vuole dire qualcosa: mandare avanti le proprie idee”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata