Gomorra 2, fin dove si spingeranno le ambizioni di Ciro?
Questa sera altri due episodi della fiction: dopo la morte di Salvatore Conte, come si muoveranno Ciro e i Savastano?

 Dopo il debutto record, gli ascolti di 'Gomorra - La Serie' continuano a far registrare numeri in crescita: gli scorsi episodi, visti su Sky Atlantic da 1 milione 153mila spettatori medi, segnano una crescita dell'89% rispetto alle stesse puntate della prima stagione, con una permanenza record del 93% per il quarto episodio, la più alta di sempre per una serie in onda su Sky. Domani sera arrivano i due nuovi episodi, il quinto e il sesto. In una guerra in cui tutti sono contro tutti, per contendersi il potere e il territorio, il pericolo si fa sempre più incombente. La morte di Salvatore Conte ha dato un forte scossone alla storia e ora Ciro Di Marzio pare in rampa di lancio per poter gestire il potere e magari trattare con il rientro dei Savastano.

LEGGI L'INTERVISTA: Gomorra? Problema non è emulazione ma assenza Stato​

Nel quinto  episodio, proprio Ciro (interpretato da Marco D'Amore) decide di rischiare tutto, spingendo al limite le sue macchinazioni e le sue capacità strategiche. E Genny (Salvatore Esposito) non starà certo a guardare. È il momento di stringere nuove inaspettate alleanze, di tramare e fare doppi e tripli giochi, di tradire anche i legami di sangue. Nel 6 episodio Don Pietro invece (Fortunato Cerlino) e i suoi uomini sono furiosi con l'intero clan Savastano ormai preda di divisioni e rancori. Ma Ciro non si accontenta, sa che non può sottovalutarli e decide di sferrare un altro ferale colpo. Il suo piano per indebolire ulteriormente il vecchio Re passa dalle piazze dello spaccio: togliere un rione ai Savastano sembra un'impresa alla sua portata.

Ecco il promo degli episodi 5 e 6 tratti da Facebook

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata