Golden Globe, 'Vice' fa il pieno di nomination: niente da fare per 'Dogman'

Inizia la lunga corsa che porterà fino alla notte degli Oscar. Il biopic sulla vita dell'ex vice presidente americano Dick Cheney, interpretato da Christian Bale, corre in sei categorie

Riparte ufficialmente la stagione più 'dorata' del cinema americano. Con l'annuncio delle nomination per il Golden Globe, Hollywood inizia la lunga corsa che porterà fino all'attesissima notte degli Oscar. Intano, però, appunto, già solo conoscere i nomi delle pellicole in gara per i 'globi dorati', assegnati dalla Hollywood Foreign Press Association, dà l'idea di cosa ci sarà da aspettarsi nei prossimi mesi. Da sempre, infatti, i premi sono considerati una anticipazione degli Academy Awards.

Il film con più nomination in assoluto è 'Vice - L'uomo nell'ombra'. Il biopic sulla vita dell'ex vice presidente americano Dick Cheney, interpretato da Christian Bale, corre in sei categorie: miglior film, miglior sceneggiatura, miglior attore in una commedia (Christian Bale), miglior regista (Adam McKay), miglior attrice non protagonista in una commedia (Amy Adams) e miglior attore non protagonista (Sam Rockwell). A pochissimo distacco, con nomination in cinque categorie, il film musicale, presentato a Venezia, 'A star is born', con protagonisti Lady Gaga e Bradley Cooper, al suo esordio dietro la macchina da presa. E se trovarsi in cinque categorie per il remake della pellicola resa celebre da diverse interpretazioni dal 1937 a oggi era piuttosto scontato, meno lo è per 'La favorita' di Yorgos Lanthimos con Olivia Colman, Rachel Weisz e Emma Stone e 'Green book' con Viggo Mortensen. Subito dietro, con quattro nomination, si trovano 'BlacKkKlansman' di Spike Lee e il sequel della Disney 'Mary Poppins Returns'.

Niente di fatto, purtroppo, per gli italiani. 'Dogman' di Matteo Garrone con Marcello Fonte, già premiato a Cannes, non entra nella cinquina del miglior film straniero in cui invece ci sono il favorito dai pronostici 'Roma' di Alfonso Cuaron, 'Libano' di Nadine Labaki, 'Opera senza autore' del tedesco Dorian Von Donnersmarck, 'Un affare di famiglia' del giapponese Koreeda Hirokazu e 'Girl' del belga Lukas Dhont. La premiazione si terrà la notte tra il 6 e il 7 gennaio a Los Angeles.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata