Golden Globe, per la tv vincono 'Homeland', 'Game Change' e 'Girls'

Los Angeles (California, Usa), 14 gen. (LaPresse/AP) - I Golden Globe non premiano solo il meglio del cinema hollywoodiano, ma sono fondamentali anche per la televisione. Quest'anno le reti via cavo Hbo e Showtime hanno combattuto per la supremazia del piccolo schermo, ottenendo tre riconoscimenti a testa per il thriller della Cia 'Homeland' e per 'Game Change, il film sull'ascesa di Sarah Palin dall'anonimato alla candidatura come vice presidente alle elezioni statunitensi del 2008.

'Homeland' della Showtime ha raccolto i premi più importanti nella categoria dramma, tra cui miglior serie drammatica per il secondo anno di fila. Migliori attori i due coprotagonisti Claire Danes, che interpreta l'agente della Cia Carrie Mathison, e Damian Lewis, che interpreta il sergente Nicholas Brody. Lewis ha dedicato con trasporto il premio alla madre scomparsa, mentre Danes ha reso omaggio a suo figlio Cyrus, nato lo scorso 14 dicembre. Il produttore esecutivo della serie, Alex Ganza, ha ricordato in particolare una difficile notte di riprese in cui la Danes, incinta all'ottavo mese, ha dovuto fare più ciak mentre veniva inseguita in un tubo di drenaggio. "Ci siamo quasi ammazzati per tenere vivo l'entusiasmo generato dalla prima stagione, e questo premio ci dice che forse, forse, non abbiamo rovinato tutto". Il quarto riconoscimento alla rete è arrivato dalla serie commedia 'House of Lies' in cui è stato premiato Don Cheadle come miglior attore protagonista.

L'Hbo ha invece vinto per la migliore serie tv commedia, 'Girls' della Hbo, e per la sua protagonista, Lena Durham. 'Game Change', sempre Hbo, è invece stata premiata come migliore mini-serie. Julianne Moore, che vi interpreta la Palin, è stata scelta come miglior protagonista, mentre Ed Harris, che veste i panni del candidato alla presidenza degli Stati Uniti John McCain, ha ottenuto il riconoscimento come miglior attore di supporto. Jay Roach, produttore esecutivo della serie, ha detto la Moore è stata coraggiosa ad impersonare la politica repubblicana. "Ora con te e Tina Fey, abbiamo tre delle più incredibili personificazioni di Sarah Palin - ha detto Roach - contando anche Sarah Palin". La Fey, che presentava la serata dei Globe insieme alla collega Sarah Poehler, è nota per i memorabili sketch in cui interpreta la politica che venne scelta dal McCain come sua vice alle presidenziale del 2008. "Una delle cose che ho scoperto nelle mie ricerche è che lei è una madre incredibilmente devota e si preoccupa molto di quello che fa - ha detto la Moore - la conclusione a cui sono arrivata è che fosse semplicemente impreparata per la vicepresidenza".

Kevin Costner ha vinto il globo come migliore attore protagonista in una mini-serie grazie a 'Hatfields & McCoys' di History Channel. Costner, che vinse un globo per la regia di 'Balla coi lupi' nel '91 ha ricordato con nostalgia il suo ingresso alla cerimonia di premiazione da giovane attore. Migliore attrice non protagonista è stata la veterana Maggie Smith, che nella serie della Pbs 'Downtown Abbey' impersona la contessa Violet Crawley. L'attrice 78enne era candidata come migliore attrice in un film commedia o musicale per la sua interpretazione in 'Quartet' di Dustin Hoffman.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata