Gli Inxs non suoneranno più dal vivo: Basta concerti, finito il tempo

Sidney (Australia), 15 nov. (LaPresse/AP) - Basta concerti per gli Inxs: la band rock australiana dopo 35 anni di attività si ritira dal palco. L'avventura dal vivo "Si è conclusa opportunamente dove è iniziata 35 anni fa, a Perth, quando il batterista Jon Farris ha dato la notizia ad oltre 15mila spettatori della nuova Perh Arena", si legge sul sito della band. "Da questo punto in poi gli Inxs abbassano il sipario come band in tour dal vivo". "Tutte le cose deve alla fine venire a una fine - affermano in una nota i tre fratelli Farris, Tim, Andrew and Jon, Kirk Pengilly e Garry Beers - aAbbiamo suonato come band per 35 anni, è il momento di allontanarsi dall'arena dei tour. La nostra musica continuerà ovviamente a vivere e ne saremo sempre parte".

Sono passati i fasti degli anni '80 e '90, quando la band rock australiana all'apice del successo aveva superato i confini 'down under' arrivando a tenere un concerto al Wembley Stadium davanti a 74mila persone nel 1991. Gli Inxs sono nati nel 1977 pubblicando il loro omonimo disco di debutto nel 1980. Hanno raggiunto la fama mondiale con hit come 'New Sensation', 'Need you Tonight', ' Suicide Blonde' e 'Devil Inside' e hanno venduto oltre 30 milioni di dischi in tutto il mondo. La morte del carismatico frontman Michael Hutchence nel novembre 1997 - trovato impiccato in una stanza d'albergo - ha inferto un colpo letale alla band, che non si è più ripresa.

I restanti cinque membri hanno continuato a suonare, perché come ha affermato il tastierista Andrew Farris, "alla fine abbiamo deciso di tirare avanti, per noi non c'era un'altra opzione, le famiglie vanno sempre avanti". Hanno cercato altri cantanti che non hanno però potuto sostituire degnamente il leader scomparso. La band nell'annuncio di ieri ha reso omaggio all'amico. "Incredibilmente sono 15 anni da quando abbiamo perso Michael - ha detto Jon Farris - Abbiamo vissuto uno per l'altro in trincea e ci amavamo. Eravamo noi sei contro il mondo e poi improvvisamente e inspiegabilmente siamo rimasti solo in cinque". "I tempi in tour degli Inxs non potevano durare per sempre - ha concluso Jon - volevamo una fine al massimo. E così è stato".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata