Gerald Butler: Non voglio stuntman, se posso giro le scene pericolose

Los Angeles (California, Usa) 21 mar. (LaPresse) - Gerald Butler si è aperto ai suoi fan sul sito web Reddit, rivelando segreti del mestiere, opinioni e pensieri. "Giro sempre le scene pericolose, a meno che la compagnia di assicurazioni me lo impedisca fisicamente" ha scritto l'attore. In 'Attacco al potere - Olympus Has Fallen', il nuovo film che uscirà il 4 aprile nelle sale italiane, rivela di aver "fatto tutti gli stunt eccetto uno, e mi sono ferito ripetutamente durante le riprese. Sono stato colpito all'occhio dall'involucro di un proiettile, ho sentito come se mi avessero dato un pugno in faccia" ha aggiunto il 43enne, che in passato ha interpretato il re spartano Leonida in '300' di Zack Snyder ed è stato protagonista di 'Rocknrolla' di Guy Ritchie.

"Sono stato colpito da rottami volanti provenienti dalle esplosioni - ha raccontato sulle riprese dell'ultimo film - il mio braccio è diventato nero dal polso al gomito e si è subito gonfiato. Ho perso un'unghia, ho avuto un livido grosso come un melone dietro alla gamba. I combattimenti in questo film sono molto dinamici, ma brutali. Cosa che ho voluto fare" ha spiegato la star scozzese, che ha anche rivelato di avere difficoltà a rilassarsi quando non è impegnato nelle riprese, e di lottare contro lo stress viaggiando.

"Adoro fare viaggi che includono la partecipazione dell'anima, nei quali la gente che incontri e le attività a cui partecipi ti toccano in profondità. Ad esempio, andare in campeggio sulla cima di un ghiacciaio in Islanda, montare una tenda all'una di notte, ascoltare i Sigur Ros mentre le luci nordiche danzano sulla tua testa, questo batte qualsiasi cosa che io possa mai fare come artista. Questi sono momenti che ti porti nella tomba e oltre". Butler ha anche parlato dei suoi allenamenti per restare in forma. "Provo a fare del cardio, bici, escursioni in montagna, corsa. Cerco di fare in modo che sia sempre interessante, faccio surf, gioco a calcio. Qualcosa di più interessante di andare semplicemente in palestra".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata