George Michael furioso con gruppo religioso:Pregavano per la mia morte

Londra (Regno Unito), 4 gen. (LaPresse) - George Michael si è infuriato contro un gruppo di religione cristiana che avrebbe pregato perché lui morisse durante i suoi recenti problemi di salute. Il cantante inglese è stato colpito da un attacco di polmonite, potenzialmente mortale, durante il suo tour di fine anno ed è stato ricoverato per diverse settimane in un ospedale di Vienna prima di venir dimesso poco prima di Natale. Michael sta continuando la convalescenza a casa sua a Londra ed è rimasto impressionato venendo a sapere che i membri di un gruppo chiamato 'Christians for a moral America' (Cristiani per un'America morale) avrebbero pregato perché lui passasse a miglior vita, perché contro la sua sessualità.

In una serie di messaggi della pop star britannica su Twitter si legge: "Sapevate che mentre stavo lottando tra la vita e la morte in Austria, ci sono state un po' di quelle belle organizzazioni cristiane, che si definiscono 'Christians for a Moral America', che stavano pregando per la mia morte". E poi ancora con ironia George aggiunge: "E' stato molto carino da parte loro, considerando quanto sono impegnati. Ora non fraintendetemi, io so per certo che ci sono molti cristiani devoti, uomini e donne di buon cuore che fanno cose meravigliose e che prendono le parti migliori di quella religione e vivono una vita ammirevole e generosa. Ma a mio parere e penso sia evidente, che questa parte, che invece ha pregato per la mia morte, usa interpretazioni contorte delle scritture antiche come patetica scusa per (...) comportarsi da bastardi e non nel modo giusto". Nonostante la rabbia delle sue declamazioni, Michael sembra essere di buon umore, soprattutto dopo aver bevuto un paio di bicchieri di vino. "Mi sento bene e mi devo sentire sempre meglio. Ok va bene, lo ammetto mi sono scolato un paio di bicchieri di vino. La vita è grandiosa". E poi George augura uno splendido 2012 a tutti i suoi sostenitori.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata