Frizzi, il ricordo di Rita Dalla Chiesa ad Amici: "Lo chiamavo ufficiale e gentiluomo"
La ex moglie ai ragazzi della trasmissione di Maria De Filippi: "Non abbiate mai paura di essere buoni"

Rita Dalla Chiesa ospite da Maria De Filippi ad Amici. È la sua prima volta in tv dopo la morte di Fabrizio Frizzi, scomparso a 60 anni una settimana fa per una emorragia cerebrale. Un'accasione per la conduttrice per rende omaggio all'ex marito. I due sono stati sposati 10 anni, dal 1992 al 2002. Davanti ai giovani del talent show, Dalla Chiesa ha ricordato commossa Frizzi: "Fabrizio è stata una mosca bianca nel nostro mondo, l’ho sempre chiamato 'ufficiale e gentiluomo'. Ufficiale per la correttezza nel rapportarsi con gli altri, nel rispetto che aveva verso chiunque. Non ha mai parlato male di qualcuno, non ha mai avuto rancori. Gentiluomo perché aveva grandi sentimenti, e i sentimenti valgono". 

Dalla Chiesa si è poi rivolta ai ragazzi di Amici portando l'esempio di fabrizio e dando qualche condiglio: "Fabrizio, un uomo buono, non si è lasciato incattivire dalla competizione, tipica nel mondo dello spettacolo. Voi ragazzi di Amici siete competitivi, avete tanti sogni, ma non abbiate mai paura di essere buoni. Non dovete sgomitare, anzi dovete cercare di aiutarvi. Perché questo è il segreto per avere successo nella vita".

E ancora. "In una delle ultime puntate dell’Eredità, Fabrizio ha abbracciato un giovane concorrente (Andrea Saccone, campione di 18 anni) e gli ha detto 'È stato un bellissimo sogno adesso fuori ti aspetta la vita vera, vivila bene fai essere i tuoi genitori fieri di te'", ha continuato Rita Dalla Chiesa. Poi il suo consiglio ai giovani del programma della De Filippi che andranno al serale: "Entrate in punta di piedi e con umiltà, perché il successo arriva anche dalla correttezza. Coloro che non entreranno avranno altre possibilità nella vita. Ma se credete nel vostro sogno dovete avere la costanza di riprovarci, sempre".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata