FilmFestRoma, 'Duetto' a quattro: Castellitto-Cruz, Hirsch-Mazzantini

Roma, 27 ott. (LaPresse) - I protagonisti del 'Duetto' di pre-apertura, ieri sera, del FilmFestRoma, sono stati due coppie di attori, Sergio Castellitto e Penelope Cruz, Emile Hirsch e Margaret Mazzantini, presentati dal critico cinematografico Mario Sesti, curatore della sezione. La prima coppia ha dimostrato come si possa diventare volti carismatici della propria cinematografia nazionale e anche professionisti apprezzati in qualsiasi lingua. Sergio Castellitto ha animato le scene di registi del calibro, tra gli altri, di: Ettore Scola, Marco Ferreri, Francesca Archibugi, Marco Bellocchio. Nel corso dell'incontro col pubblico sono stati proiettati spezzoni di 'Caterina va in città' di Paolo Virzì (2003), 'La bellezza del somaro' di Castellitto (2010), ma anche 'Libero Burro' (1999), suo primo film da regista/interprete e pellicola in cui recita insieme al sua moglie, Margaret Mazzantini.

Penelope Cruz, che ha cominciato a fare l'attrice a 14 anni, arriva per la prima volta all'età di vent'anni in Italia per vestire i panni della protagonista del film di Aurelio Grimaldi 'La ribelle' (1993) con Stefano Dionisi e Laura Betti, e diventa uno dei volti più amati da Pedro Almodovar, Woody Allen e, perché no, da Sergio Castellitto. Oltre a frammenti del celebre 'Non ti muovere' (2004), ultima fatica della coppia Castellitto-Mazzantini, tratto dal bestseller della scrittrice, il pubblico del festival ha potuto apprezzare la sua bellezza acerba in 'Per amore solo per amore' di Giovanni Veronesi (1993).

La Cruz e Castellitto si ritrovano oggi insieme per 'Venuto al mondo', un altro fortunato libro della Mazzantini, che compie oggi 50 anni, e che è stata anche attrice "più teatrale - spiega la scrittrice - che cinematografica". La Mazzantini ha spiegato al pubblico del festival che la sua vocazione alla scrittura ha faticato ad esprimersi, "c'era qualcosa - ha detto - di fortemente inespresso". L'affascinante diva 37enne, che ha sfilato ieri sul red carpet del Festival internazionale del Film di Roma, vince l'Oscar 2008 come miglior attrice non protagonista, sotto la regia di Woody Allen, per il film 'Vicky Cristina Barcelona', che le fa incontrare suo marito Javier Bardem padre di suo figlio Leo.

Con lei a Roma nei giorni scorsi. Nella sua filmografia 2011-2012 ci sono ben tre pellicole nonostante la maternità: 'Pirati dei Caraibi - Oltre i confini del mare' il blockbuster campione d'incassi di Rob Marshall, 'Nero Fiddled' di Woody Allen (2012), che ha portato la Cruz a girare il film quest'estate nella capitale, e 'Venuto al mondo', regia di Sergio Castellitto (2012). Nel cast anche: Adnan Haskovic, Moamer Kasumovic, Mediha Musliovic.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata