Esce al cinema 'The Lady', biopic di Luc Besson su Aung San Suu Kyi

Torino, 20 mar. (LaPresse) - Esce nelle sale in Italia venerdì 23 marzo il biopic 'The Lady' di Luc Besson: interpretato da Michelle Yeoh e David Thewlis, è un ritratto appassionato di Aung San Suu Kyi, una donna straordinaria, vera eroina dei nostri tempi che ha rinunciato alla sua libertà personale a favore di quella della Birmania e del suo popolo. Il film è distribuito da Good films, neonata società di produzione/distribuzione fondata da, Ginevra Elkann Luigi Musini, e Francesco Melzi d'Eril.

In occasione delle elezioni suppletive che si terranno in Birmania il prossimo 1 aprile e in concomitanza con l'uscita in Italia il 23 marzo, Good films con il sostegno di Amnesty International ha promosso la campagna 'Send a Message' ispirata dalla celebre frase di Aung San Suu Kyi "Use your freedom to promote ours".

La campagna 'Send a Message' si anima delle voci di tutti coloro che vogliono inviare un messaggio di solidarietà a Aung San Suu Kyi.

Ad oggi hanno aderito oltre 100 italiani e tutti i video si possono vedere sulla pagina youtube: tra questi, imprenditori, pensionati, giornalisti, cooperanti, attivisti, artisti, studenti e precari, le cui voci incontrano quelle di chi ha conosciuto Aung San Suu Kyi, come il sindaco di Torino Piero Fassino, Emma Bonino, vicepresidente del Senato della Repubblica, e Roberto Baggio.

Messaggi di solidarietà sono arrivati dal mondo del teatro, del cinema, dello sport e dell'imprenditoria: Giorgio Chiellini, giocatore della Juventus e della nazionale di calcio, Livia Firth, produttrice cinematografica; le attrici Cristiana Capotondi, Paola Minaccioni, Martina Codecasa e Bianca Nappi; la presidente di Good Films Ginevra Elkann, l'imprenditore Lapo Elkann, il patron di Diesel Renzo Rosso, lo stilista Sergio Zambon e la modella Eva Riccobono.

Il video messaggio si può registrare o da un computer con webcam o con iphone/smartphone e poi caricarlo sulla pagina facebook Good Films dedicata goodfilms.it/sendamessage. I 20 video messaggi più significativi verranno montati in sequenza e saranno consegnati a Aung San Suu Kyi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata