Era Spaziale Festival Torino apre con Kurt Vile, Breton, Stealing Sheep

Torino, 4 lug. (LaPresse) - Kurt Vile arriva da Philadelphia e, portando il suo low-fi indie rock sui palchi europei, sta passando per l'Italia. Ieri Roma a San Lorenzo Estate in piazzale del Verano, stasera al Vicolo Bolognetti di Bologna, domani giovedì 5 luglio a Torino allo Spazio 211 per l'Era Spaziale Emersione Festival. La sua musica è stata associata a Bruce Springsteen, Bob Seger e Tom Petty, eppure la sua produzione non nasconde le influenze di band con Pavement e Sonic Youth che porta a un connubio di musica folk e distorsioni. Un amore corrisposto, dal momento che Kim Gordon, la bassista dei Sonic Youth, ha lodato il suo lavoro del cantautore 32enne. Vile, che è anche tra i fondatori della band The War On Drugs, ha all'attivo quattro album da solista, 'Constant Hitmaker' del 2008, 'God Is Saying This to You' e 'Childish Prodigy' entrambi del 2009, e l'ultimo del 2011 'Smoke Ring for My Halo', che sta promuovendo con questo tour insieme alla sua band The Violators.

Quindi porta la sua musica sperimentale electro rock il collettivo londinese Breton, che dopo aver remixato artisti come Tricky, Temper Trap e Local Native, ha esordito nel 2012 con l'album di debutto 'Other People's Problems'. Aprono la serata sul main stage le inglesi Stealing Sheep nella loro unica data italiana, trio femminile di Liverpool capaci di sintetizzare armonicamente generi diversi come folk, post punk, psichedelia ed elettronica.

Aprono sul side stage del locale in via Cigna 211, a partire dalle 18.30, le esibizioni a cura del collettivo Woodu?, di Foxhound, Grey Moquettes, Joybeat, Dropp, GoA, Maniaxxx. Ingresso a 12 euro, ridotto a 4 euro per chi arriva tra le 18 e le 19.30.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata