Elena Mirò, brand director Boselli: "I mercati esteri sono la sfida futura"

In occasione del lanciod ella collezione disegnata da Vanessa Incontrada il marchio guarda all'internazionalizzazione

"Slow living come risposta alla moda fast food", nella nuova collezione F/W 2018 di Elena Mirò disegnata da Vanessa Incontrada. È Martino Boselli, Brand Director del marchio di Miroglio Fashion, a spiegare il concept della nuova capsule, presentata a Milano in piena atmosfera da 'Settimana della moda', nel Flagship Store, in Piazza della Scala, trasformato per l'occasione in un bosco. "Lo Slow living - sottolinea il manager - è in totale antitesi rispetto alla moda fast-food/fast-fashion, dove si corre e si consuma velocemente capo dopo capo, fino alla fine, per poi buttare via e ricominciare. Noi vogliamo raccontare un mondo dove il tempo non è una costrizione, ma una risorsa. Lo Slow living è fatto di vestibilità perfetta e di outfit dal grande carattere e dai materiali preziosi".

Per Elena Mirò la nuova collezione è una tappa importante del viaggio del brand iniziato 33 anni fa. "Nel 2018 raggiungiamo sempre più consumatrici che nelle scelte d'acquisto hanno grande attenzione anche alla ricercatezza dei materiali. I valori del nostro brand sono l'inclusività e la femminilità, e ci accompagnano in ogni scelta che facciamo", aggiunge Boselli.

Elena Mirò incassa così i successi di "una strategia di evoluzione del marchio che ha portato a risultati molto positivi". "E la nostra crescita continua - assicura Boselli- Lo sviluppo internazionale e i mercati esteri sono il prossimo passaggio. Elena Mirò è presente in Francia e Spagna e in Russia ha un piano di sviluppo importante. L'internazionalizzazione è la vera sfida". Le leve della crescita sono molteplici. "Stiamo investendo molto sull'online e sulla qualità piuttosto che sulla quantità. E questo ci sta portando grandi risultati. Nel canale retail c'è stata la ristrutturazione e nuove aperture che hanno coinvolto 40 negozi. Il focus del futuro è la crescita internazionale", dice Boselli. Fra i fattori competitivi non può mancare la "competenza": "nel nostro Atelier realizziamo capi con una vestibilità perfetta. - ricorda Boselli -. È così che lo Slow living esprime la gioia ed il piacere di godere appieno di ciò che si indossa. Un altro pezzo di strada percorsa con Vanessa, che in questo ci è molto vicina e molto spesso è la nostra fonte di ispirazione".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata