Da "Il vizio della speranza" alla nuova avventura di Robin Hood: i film al cinema dal 22 novembre

Da Toronto, Cannes e Roma arrivano tre titoli presentati ai festival del cinema

Due storie vere (A private war e Conta su di me), il nuovo film di Edoardo De Angelis e le origini di Robin Hood: ecco tutte le uscitr nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 22 novembre

Il vizio della speranza. Reduce dalla vittoria alla tredicesima edizione della Festa del cinema di Roma, il nuovo film di Edoardo De Angelis arriva nelle sale. A due anni da Indivisibili, il regista napoletano propone la storia di Maria, cresciuta marcata da un abuso sessuale che le ha scalfito il volto e privato il ventre della capacità di generare. Figlia di una madre alienata e braccio destro di una pappona, Maria traghetta povere anime sul Volturno, prostitute nigeriane che affittano l'utero per sopravvivere. È proprio a questa donna che la speranza un giorno tornerà a far visita, nella sua forma più ancestrale e potente, miracolosa come la vita stessa. Perché restare umani è da sempre la più grande delle rivoluzioni.

A private war. Dopo il debutto al festival di Toronto e a quello di Roma, arriva nelle sale italiane il debutto alla regia di Matthew Heineman. A private war è tratto dalla storia vera raccontata nell'articolo Marie Colvin’s Private War, uscito nel 2012 su Vanity Fair e scritto da Marie Brenner. Rosamund Pike veste i panni di Marie Colvin, reporter di guerra per il quotidiano britannico The Sunday Times dal 1985 fino alla morte, avvenuta mentre seguiva l'assedio di Homs, in Siria. Una donna coraggiosa, dedita al suo lavoro: nel 1986 fu la prima giornalista a intervistare Mu'ammar Gheddafi dopo l'inizio dei bombardamenti degli Stati Uniti in Libia.

Troppa grazia. Alba Rohrwacher, Elio Germano e Giuseppe Battiston in una commedia fuori dal comune, vincitrice del Premio Label Europa Cinema alla 71ma edizione del festival di Cannes. Protagonista è Lucia, una geometra specializzata in rilevamenti catastali, nota per la pignoleria con cui insiste nel "fare le cose per bene". La sua vita, però, è tutto fuorché precisa: a 18 anni ha avuto una figlia, Rosa, da un amore passeggero; ha appena chiuso una relazione pluriennale con Arturo; il suo lavoro precario non basta ad arrivare a fine mese. Approfittando della sua vulnerabilità economica, Paolo, il sindaco del paese, le affida il compito di effettuare un rilevamento su un terreno dove un imprenditore vuole costruire un impero immobiliare.

Robin Hood - L'origine della leggenda. A otto anni dall'ultimo film su Robin Hood (quello diretto da Ridley Scott e che vedeva Russell Crowe come protagonista), arriva nelle sale una nuova storia sul ladro più amato del cinema. Il regista Otto Bathurst ha voluto concentrarsi sulla nascita del mito, su ciò che ha portato Robin Hood a diventare l'eroe che rubava ai ricchi per dare ai poveri. Il ventinovenne Taron Egerton è Robin di Loxley, un crociato temprato dalla guerra, che - tornato a casa - scopre che l'intera contea di Nottingham è dominata dalla corruzione. L'ingiustizia e la povertà in cui vive il suo popolo lo spingono così a tramare per organizzare un'audace rivolta contro la potente Corona d'Inghilterra.

Upgrade. Dall'Australia arriva un action movie che punta sul grande classico della vendetta verso gli assassini della propria moglie. È questo il fuoco che arde nel cuore del protagonista, Gray. Dopo che sua moglie è stata brutalmente uccisa durante una rapina che lo ha lasciato paralizzato, viene avvicinato da un inventore miliardario che con una cura sperimentale promette di "aggiornare" il suo corpo. La Cura, un impianto di intelligenza artificiale chiamata STEM, conferisce a Gray abilità fisiche incredibili. E a questo punto niente può fermare la sua vendetta.

Morto tra una settimana (o ti ridiamo i soldi). D'azione è anche l'opera prima di Tom Edmunds, imprevedibile film britannico su un aspirante suicida. Il ragazzo le prova tutte: lancio dal ponte, gas, impiccagione, avvelenamento con pillole, ma non riesce mai a porre fine alla sua vita. Teme di essere immortale, per scongiurarlo firma un contratto di morte non rescindibile con un killer esperto, Leslie, che avrà una settimana per ucciderlo nel modo da entrambi concordato. Peccato che in sette giorni molte cose possano cambiare e la vita di William, grazie a un incontro fortunato, sembra finalmente acquistare un senso.

Attesi anche due thriller: Paulina e Black Tide. Il primo, una co-produzione di Brasile, Argentina e Francia, ha per protagonista Paulina, una ragazza che abbandonare il dottorato in giurisprudenza per trasferirsi al confine tra Argentina e Paraguay e insegnare ai poveri, nonostante il parere contrario del padre, un importante giudice. Ben presto la realtà si dimostrerà più ostile di quanto potesse immaginare: dopo il suo primo giorno di lavoro, Paulina subisce uno stupro. Ma, nonostante abbia dei sospetti sull'aggressore, non sporge denuncia e ostacola la giustizia in ogni modo. Persino dopo aver scoperto di essere rimasta incinta. Co-prodotto da Francia e Belgio, Black Tide ha per protagonista François Visconti, comandante di polizia con figlio (ingovernabile) a carico e il vizio (incontrollabile) del bere, incaricato di indagare sulla scomparsa di un adolescente. 

Conta su di me. Dalla Germania arriva la vera storia dell'amicizia tra Lenny e David. Lenny ha trent'anni e un padre con un ottimo stipendio che lo mantiene, David ha quindici anni e una grave malformazione cardiaca. Le vite dei due si incontrano quando il padre di Lenny gli blocca la carta di credito, stanco di vederlo sperperare i soldi e dedicare la vita solo al divertimento: così il trentenne dovrà occuparsi di David per avere indietro la sua vita.

Seguimi. Dramma firmato Italia e Spagna. Marta è un'ex tuffatrice professionista che ha dovuto rinunciare alla propria carriera a causa di un infortunio. Tornata a casa, a Matera, inizia una relazione inquietante con una ragazza giapponese, modella di un pittore. L'arrivo della sorella nella casa stravolgerà gli equilibri e porterà a galla vecchi traumi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata