D'Agostino all'attacco: I vip di oggi sono microcelebrità
Secondo il fondatore di 'Dagospia', "il divismo non ha più le basi di qualità di una volta"

"I tatuaggi? Sono una cosa molto intima e curiosa. Sembra una cosa fatta per moda, ma non lo è. L'ultimo l'ho fatta alla gamba". Parla a tutto campo Roberto D'Agostino, il fondatore di 'Dagospia', nel salotto di Barbara d'Urso, 'Domenica Live', su Canale 5. "A Madonna - racconta - dissi che non sapeva cantare, ballare e recitare e le chiesi come ha fatto ad avere successo. Oggi un personaggio diventa tale catturando lo spirito dei tempi. In qualche modo, lei è stata una diva in grado di catturare l'attenzione. Oggi un certo divismo non ha più le basi di qualità di una volta, ci sono le microcelebrità".

Entrando nel dettaglio del suo lavoro per il sito che mette alla berlina personaggi della tv, politici e molti altri vip, D'Agostino chiarisce: "Io faccio un lavoro di cronista, dove sta il male come un chirurgo lo tira fuori. Il tuo programma racconta di più la società di tanti editoriali". Poi spazio per la lettera dedicatagli dalla moglie Anna: "Con te - si trova scritto - vicino non c'è spazio per la noia, siamo due poli che evidentemente si attraggono. Valeva la pena vivere ogni istante insieme".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata