Coroner: Amy Winehouse morta per abuso di alcol

Londra (Regno Unito), 26 ott. (LaPresse/AP) - Amy Winehouse è morta per abuso di alcol. È quanto sostiene Suzanne Greenaway, coroner della St. Pancras Coroners Court di Londra, aggiungendo che il decesso è stata una conseguenza non voluta del consumo di alcol. Scondo la Greenaway, infatti, si sarebbe trattato di una "morte accidentale". La diva del soul avrebbe consumato alcol di propria volontà, accettando il rischio delle conseguenze. Prima un medico legale, Suhail Baithun, aveva spiegato che nei campioni del sangue e delle urine della cantante è stata rilevata una quantità di alcol circa cinque volte superiore al limite legale. La Winehouse è stata trovata senza vita nel suo appartamento di Londra lo scorso 23 luglio. L'autopsia iniziale si era rivelata inconcludente, anche se nel sangue dell'artista non erano state trovate tracce di sostanze illegali.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata