Cinema, Adam Sandler fa un tuffo nei videogiochi in 'Pixels'

New York (New York, Usa), 19 lug. (LaPresse/PA) - L'attore statunitense Adam Sandler ha mostrato il suo amore per i videogames arcade alla premiere del suo ultimo film, nel quale salva il mondo da Donkey Kong e Pac-Man. In 'Pixels', il comico è affiancato da Peter Dinklage (Game of Thrones), Josh Gad (Frozen) e Paul Blart: la guardia giurata del centro commerciale, Kevin James, combatte gli alieni che vogliono distruggere il mondo usando i personaggi classici dei videogames anni '80.

"Ero abbastanza bravo in quei giochi, ma le cose sono andate avanti, noi siamo diventati vecchi e i nuovi giochi sono usciti. Non posso dire di essere più bravo in quelle cose. Mi piacerebbe, ma non ho più molto tempo. Però una volta ero davvero bravo in quei giochi", ha detto Sandler sul red carpet della prima newyorkese di Pixels. La star di '50 volte il primo bacio', oltre a recitare nel film, ne è anche lo sceneggiatore e il produttore e ha parlato di come i videogames fossero un grande mezzo di unione durante gli anni della sua adolescenza a Brooklyn. "Non so se fosse una cosa troppo nerd - ha continuato Sandler - ma giocavo tutto il tempo. Quando ero piccolo, tutti i bambini giocavano ai videogiochi, anche quelli di 13 anni che già fumavano le sigarette erano totalmente presi. Erano una grande opportunità per i bambini che non erano atletici, ci connetteva tutti".

Sandler è padre di due bambine di nove e sei anni che sono entrambe videogiocatrici: "Li usano, ma quando ci giocano troppo - ha affermato Sandler - papino prende e butta tutto via così torniamo a parlare". "Sono connesso con il film perché sono vecchio, questi erano i giochi di quando ero un bambino e sono rimasto parecchio scioccato che i ragazzi di oggi conoscano Pac-Man e Donkey Kong. Pensavo dicessero 'Ehi, cos'è quella roba'? E invece sono più del tipo 'Oh, sì, è Donkey Kong'. È divertente, qualsiasi generazione conosce quei giochi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata