Cinema, 56 milioni di dollari al box office Usa per 'Divergent'

New York (New York, Usa), 24 mar. (LaPresse/AP) - Il film fantascientifico 'Divergent', che segna il debutto di una nuova serie dedicata al pubblico dei teenager, ha esordito al box office statunitense con 56 milioni di dollari. Una delle migliori aperture dell'anno ma che non raggiunge i livelli degli altri franchise cinematografici per i giovani, come Twilight che ha debuttato nelle sale con 69,6 milioni di dollari nel 2008 e 'The Hunger games' che invece ha incassato 152,5 milioni di dollari nel 2012. 'Divergent' è un adattamento dal romanzo best-seller di Veronica Roth, interpretato da Shailene Woodley e diretto da Neil Burger, che nonostante non raggiunga i risultati degli esordi di passate trilogie, è diventato la seconda migliore apertura del 2014 dopo 'Lego Movie'.

Il film 'Muppets most wanted' invece è sceso, aggiudicandosi solo 16,5 milioni di dollari nel lungo weekend cinematografico da giovedì 20 a domenica 23 marzo. Mentre nel 2011 il primo 'The Muppets' aveva totalizzato 29,2 milioni di dollari. Rispetto al weekend scorso 'Mr. Peabody & Sherman' è scivolato al terzo posto nel suo terzo fine settimana con 11,7 milioni di dollari.

Il 59% del pubblico in sala per il film distopico con Kate Winslet è stato femminile con un'età inferiore ai 25 anni. Richie Fay, presidente della distribuzione Lionsgate, si è detto soddisfatto del risultato definendo il risultato al box office come "un grande inizio per un altro franchise dell'azienda".

Un sequel della pellicola è già in lavorazione e si prevede possa prendere la trama dal secondo romanzo 'Insurgent' a cui segue un terzo capitolo 'Allegiant'. La Lionsgate è riuscita dove molti annaspavano: il film 'Divergent' è stato realizzato con 85 milioni di dollari e segue trilogie di minor successo come 'Shadowhunters - Città di ossa', 'Vampire Academy', 'Beautiful Creatures - La sedicesima luna'. La prossima settimana sarà la volta del debutto del film 'Noè' ('Noah') con Russell Crowe, diretto da Darren Aronofsky.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata