Chris Evans contro i bulli: è davvero Captain America
L'attore ha risposto a Keaton Jones, il ragazzino preso in giro dai bulli che ha commosso l'America, con un invito davvero speciale

Il video in cui Keaton Jones, un ragazzino americano, piange mentre racconta alla madre ciò che i bulli gli fanno ogni giorno ha fatto il giro del web. "Mi chiamano 'brutto', mi prendono in giro, dicono che non ho amici. Perché fanno così?", è una delle frasi che hanno commosso il mondo intero portando il video all'attenzione delle star del cinema e della musica.

Tra coloro che hanno mandato messaggi di solidarietà e ricondiviso il video ci sono star del calibro di Katy Perry, Snoop Dogg, Jennifer Lopez, Ricky Martin, Orlando Bloom, Justin Bieber. Ma la risposta più apprezzata è stata probabilmente quella di Chris Evans. Noto al grande pubblico per il ruolo di Captain America nel franchise degli Avengers, Evans sembra sempre pronto a indossare il costume a stelle e strisce.

"Sii forte, Keaton. Non permettere loro di cambiarti. Ti prometto - scrive su Twitter l'attore - che le cose andranno meglio. Mentre questi bulli nella tua scuola decidono che tipo di persone vogliono essere in questo mondo, ti piacerebbe venire all'anteprima di Los Angeles degli Avengers il prossimo anno insieme a tua mamma?". A rispondere è la sorella maggiore del ragazzino che dice che Keaton "ne sarebbe davvero felice".

L'attore si riferisce al terzo film in cui i supereroi Marvel appariranno tutti insieme: Avengers - Infinity War, che sarà nelle sale mondiali la prossima primavera. Anche Mark "Hulk" Ruffalo ha apprezzato l'invito di Chris Evans. Sotto al tweet del collega ha scritto "Ti voglio bene, Chris" e poi ha risposto direttamente al ragazzo: "Anche io ero preso in giro dai bulli quando ero un ragazzo. Tu sei il mio super eroe personale. Proteggi il tuo cuore, Hulk è tuo amico"

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata