Charlie Sheen contro Warner, per lui 25 milioni di dollari

Los Angeles (California, Usa), 20 set. (LaPresse/AP) - Charlie Sheen, l'attore licenziato dal ruolo di protagonista nella sitcom 'Due uomini e mezzo', dovrebbe ricevere 25 milioni di dollari dalla Warner Bros, che produce la serie televisiva trasmessa dal canale Cbs. Sheen e Warner Bros stanno ultimando l'accordo multimilionario che metterà fine alla battaglia legale e pubblica tra la star e la produzione. Charlie ha fatto causa alla produzione dopo essere stato licenziato dalla sitcom e secondo una fonte anonima a conoscenza dei fatti pare che la controversia stia giungendo al termine.

L'iniziale richiesta dell'attore estromesso dal suo ruolo, prima del termine del suo contratto, con scadenza maggio 2012, era di 100 milioni di dollari. La cifra di 25 milioni di dollari, su cui con probabilità si arriverà all'accordo, è stabilita, secondo quando riportato dal 'Los Angeles times', in base al compenso a episodio percepito da Sheen, di 1,2 milioni di dollari. Sheen è l'attore più pagato in televisione. Considerando gli otto episodi che non ha fatto la scorsa stagione e il contratto per questa prossima di altri 24 episodi, Sheen avrebbe dovuto incassare 38,4 milioni di dollari.

La controversia è sorta quando la Warner Bros ha dovuto fermare a gennaio le riprese di 'Due uomini e mezzo' perché Sheen aveva seri problemi con l'abuso di sostanze stupefacenti ma anche per i successivi trattamenti a cui ha dovuto sottoporsi. E quello di gennaio non era il primo caso in cui la produzione ha dovuto arrestarsi a causa di Sheen. Poche settimane più tardi, Charlie ha detto di sentirsi pronto a tornare al lavoro, ma la Warner non era più d'accordo e l'attore ha lanciato un'inusuale offesa pubblica ai suoi produttori. A 'Good morning America' sull'Abc, Sheen ha insultato pesantemente la Warner Bros e il co-creatore Chuck Lorre, mentre si vantava dell'uso di droghe di essere un donnaiolo con un stile di vita rock'n'roll.

La Warner Bros ha così deciso di staccare la spina sul resto della stagione in corso e subito dopo un altro attacco di Sheen alla Warner, in un programma radiofonico, è stato licenziato. La produzione ha spiegato in una lettera che l'attore "ha un comportamento pericolosamente autodistruttivo e sembra essere malato, non più in grado di recitare a un livello accettabile". La nuova stagione di 'Due uomini e mezzo' ha preso il via con Ashton Kutcher al posto di Charlie nel ruolo di protagonista, ora non resta che verificare come il pubblico reagirà all'assenza di Sheen.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata